logo Clicc@vvisi  
  siete qui: servizi > leggi > ...

Decreto ministeriale n. 55/91

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 
VISTO L'ART. 17, COMMA 3, DELLA LEGGE 23 AGOSTO 1988, N. 400, RECANTE DISCIPLINA 
DELL' ATTIVITA' DI GOVERNO E ORDINAMENTO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO 
DEI MINISTRI; 
VISTA LA LEGGE 19 MARZO 1990, N.55, RECANTE NUOVE DISPOSIZIONI PER LA PREVEN- 
ZIONE DELLA DELINQUENZA DI TIPO MAFIOSO E DI ALTRE FORME DI MANIFESTAZIONI 
DI PERICOLOSITA' SOCIALE; 
VISTO L'ART. 17, COMMA 2, DELLA CITATA LEGGE N. 55 DEL 1990, IL QUALE DISPONE 
CHE CON DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI, SU PROPOSTA DEL 
MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI, SENTITI I MINISTRI DELL'INTERNO E PER IL COORDINA- 
MENTO DELLE POLITICHE COMUNITARIE, VENGANO DEFINITE LE DISPOSIZIONI PER GARANTI- 
RE OMOGENEITA' DI COMPORTAMENTI DELLE STAZIONI COMMITTENTI RELATIVAMENTE AI CON- 
TENUTI DEI BANDI, AVVISI DI GARA E CAPITOLATI SPECIALI, NONCHE' DISPOSIZIONI PER  LA
QUALIFICAZIONE DEI SOGGETTI PARTECIPANTI ALLE GARE; 
RITENUTA L' OPPORTUNITA' DI DISCIPLINARE CON TALI DISPOSIZIONI GLI APPALTI E LE 
CONCESSIONI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI CUI ALLE DIRETTIVE DEL CONSIGLIO N. 
71/305/CEE E N. 89/440/CEE; 
SENTITI I MINISTRI DELL'INTERNO E PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE COMU- 
NITARIE; 
UDITO IL PARERE DEL CONSIGLIO DI STATO, ESPRESSO NELL'ADUNANZA GENERALE DEL 
6 DICEMBRE 1990; 
VISTA LA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI ADOTTATA NELLA RIUNIONE 
DEL 10 GENNAIO 1991; 
SULLA PROPOSTA DEL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI; 
A D O T T A 
IL SEGUENTE REGOLAMENTO: 

ART. 1. 
Iscrizione all'Albo nazionale dei costruttori 
1. AI CONCORRENTI ALLE GARE NON PUO' ESSERE RICHIESTA UNA CLASSIFICA D'IMPORTO 
D'ISCRIZIONE ALL'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI (A.N.C.) SUPERIORE A QUELLA 
IN CUI E' RICOMPRESO L'IMPORTO A BASE D'ASTA. LO STESSO LIMITE DEVE OSSERVARSI 
ANCHE NEL CASO DI OPERE CHE RICHIEDANO IL POSSESSO DELLA ISCRIZIONE AD UNA PLU- 
RALITA' DI CATEGORIE DI LAVORI. 
2. L'IMPORTO COMPLESSIVO DELLE ISCRIZIONI RICHIESTE NON PUO' ESSERE DIVERSIFICATO 
IN RAGIONE DEL FATTO CHE L'IMPRESA CHIEDA DI PARTECIPARE ALLA GARA SINGOLARMENTE
OVVERO RIUNITA IN ASSOCIAZIONE TEMPORANEA O CONSORZIO, NE' IN RAGIONE DEL
TERRITORIO IN CUI ESSA HA SEDE O DEVONO ESEGUIRSI I LAVORI. NELLE REGIONI A 
STATUTO SPECIALE, OVE SIANO PREVISTI ALBI REGIONALI, DEVE ESSERE ESPRESSAMENTE 
INDICATA L'EQUIVALENZA DELLE ISCRIZIONI ALL' A.N.C. A QUELLE PER CATEGORIE E 
CLASSIFICHE DEGLI ALBI REGIONALI. 
3. PER LE IMPRESE STABILITE IN ALTRI STATI MEMBRI DELLA CEE L'ISCRIZIONE AL- 
L'A.N.C. NON E' CONDIZIONE OBBLIGATORIA PER LA PARTECIPAZIONE ALLE GARE DI AP- 
PALTO E DI CONCESSIONE, NONCHE' PER L'AFFIDAMENTO DEI RELATIVI SUBAPPALTI. TALI 
IMPRESE POSSONO SOSTITUIRE IL CERTIFICATO DI ISCRIZIONE ALL'ALBO CON LE ATTESTA 
ZIONI PREVISTE DAGLI ARTICOLI 13 E 14 DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977, N. 584. 

ART. 10. 
E S C L U S I O N I 
1. AI FINI DELLA INDIVIDUAZIONE DEGLI APPALTI DI LAVORI ESCLUSI DALLA NORMATI- 
VA DEL PRESENTE REGOLAMENTO SI APPLICANO LE DISPOSIZIONI DI CUI ALL'ART.3 DEL 
LA LEGGE 8 AGOSTO 1977, N. 584, AD ECCEZIONE DELLA PRIMA PARTE DELLA LETTERA a) 

ART. 11. 
Entrata in vigore 
1. IL PRESENTE REGOLAMENTO ENTRA IN VIGORE IL GIORNO SUCCESSIVO A QUELLO DEL- 
LA SUA PUBBLICAZIONE NELLA Gazzetta Ufficiale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. 
IL PRESENTE DECRETO, MUNITO DEL SIGILLO DELLO STATO,SARA' INSERITO NELLA RAC- 
COLTA UFFICIALE DEGLI ATTI NORMATIVI DELLA REPUBBLICA ITALIANA. E' FATTO OBBLI- 
GO A CHIUNQUE SPETTI DI OSSERVARLO E DI FARLO OSSERVARE. 

ART. 2. 
Categoria prevalente ed opere scorporabili 
1. NEL BANDO DI GARA DEVONO ESSERE INDICATE LE CATEGORIE E LE RELATIVE CLAS- 
SIFICHE DELL'A.N.C. RICHIESTE PER L'ACCESSO DELLE IMPRESE ALLE GARE, NONCHE' LE 
PARTI DELL'OPERA SCORPORABILI, CON I RELATIVI IMPORTI. 
2. IN PARTICOLARE DEVE ESSERE INDICATA UNA SOLA CATEGORIA PREVALENTE, INDIVI- 
DUATA IN QUELLA CHE IDENTIFICA L'OPERA DA REALIZZARE TRA LE CATEGORIE DI CUI  
AL DECRETO DEL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI 25 FEBBRAIO 1982, PUBBLICATO NELLA 
Gazzetta Ufficiale N. 208 DEL 30 LUGLIO 1982. OVE SUSSISTANO, AI SENSI DELL'ART. 7 
DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 1981, N. 741, COMPROVANTI MOTIVI TECNICI, INDICATI IN 
SEDE DI PROGETTO E NEL BANDO DI GARA, PUO' ESSERE RICHIESTA L'ISCRIZIONE ANCHE 
IN ALTRE CATEGORIE TRA QUELLE DI CUI AL MENZIONATO DECRETO 25 FEBBRAIO 1982. 

ART. 3. 
Documentazione e termini 
1. AL FINE DI EVITARE DISCRIMINAZIONI NELL'ACCESSO ALLE GARE NON E' CONSENTITO 
RICHIEDERE CERTIFICATI CON TERMINI DI VALIDITA' RIDOTTI RISPETTO A QUELLI DI 
ORDINARIA VIGENZA, OPPURE CHE L'ISCRIZIONE ALL'A.N.C. SIA STATA CONSEGUITA DA UN 
UN DETERMINATO PERIODO DI TEMPO. 
2. ALLE GARE DI IMPORTO PARI O SUPERIORE A 5 MILIONI DI ECU SI APPLICANO I 
TERMINI PREVISTI DALLA DIRETTIVA DEL CONSIGLIO N. 89/440/CEE. 
3. FATTI SALVI I TERMINI PREVISTI DA LEGGI SPECIALI, QUELLI ORDINARI DI RICEZIONE 
DELLE DOMANDE E DELLE OFFERTE PER LE GARE D'IMPORTO INFERIORE ALLA SOGLIA 
COMUNITARIA NON POSSONO ESSERE STABILITI IN MISURA INFERIORE ALLA META' DI QUEL- 
LI FISSATI PER LE GARE DI RILEVANZA COMUNITARIA. 
4. QUALORA LA PRESENTAZIONE DELL'OFFERTA RICHIEDA ADEMPIMENTI PRELIMINARI 
PARTICOLARMENTE COMPLESSI PER RAGIONI TECNICHE O PER ALTRI MOTIVI,I TERMINI PER 
LA PRESENTAZIONE DEVONO ESSERE FISSATI IN MODO ADEGUATO. 
5. NEL CASO DI RICORSO ALLE PROCEDURE D'URGENZA OCCORRE INDICARE ESPRESSAMEN- 
TE NEL BANDO DI GARA LE RELATIVE MOTIVAZIONI. IN OGNI CASO IL RICORSO A TALI 
PROCEDURE NON E' CONSENTITO QUANDO LE RAGIONI DELL'URGENZA SIANO ADDEBITABILI 
A FATTO PROPRIO DELL'AMMINISTRAZIONE. 
6. I REQUISITI RICHIESTI AI SENSI DEGLI ARTICOLI 5, 6 E 8 SONO COMPROVATI SE 
CONDO QUANTO PRESCRIVE IL REGOLAMENTO DELL'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI AP-
PROVATO CON DECRETO DEL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI 9 MARZO 1989, N. 172. 
7. I BANDI E GLI AVVISI DI GARA DEVONO ESSERE REDATTI SECONDO I MODELLI ALLE- 
GATI AL PRESENTE REGOLAMENTO, DI CUI COSTITUISCONO PARTE INTEGRANTE. 


ART. 4. 
Consorzi e associazioni temporanee 
1. ANCHE NEI BANDI DI GARA DI IMPORTO INFERIORE ALLA SOGLIA COMUNITARIA DEVE 
ESSERE ESPRESSAMENTE INDICATO CHE LE IMPRESE SONO AMMESSE A PARTECIPARE ALLE 
GARE, OLTRE CHE SINGOLARMENTE, ANCHE RIUNITE IN ASSOCIAZIONI TEMPORANEE O IN 
CONSORZIO. 


ART. 5.
Appalti di importo inferiore a 5 milioni di ECU 
1. PER GLI APPALTI DI IMPORTO PARI O INFERIORE AD UN MILIONE DI ECU, L'ENTE 
COMMITTENTE RICHIEDE, AI FINI DELL'ACCERTAMENTO DELL' IDONEITA' TECNICA E FINAN- 
ZIARIA DELL'IMPRESA, IL SOLO CERTIFICATO D'ISCRIZIONE ALL'ALBO NAZIONALE DEI CO- 
STRUTTORI PER CATEGORIA E CLASSIFICA CORRISPONDENTE AI LAVORI PREVISTI NELL'AP- 
PALTO. 
2. PER GLI APPALTI D'IMPORTO SUPERIORE AD UN MILIONE E INFERIORE A CINQUE MILIONI 
LIONI DI ECU, L'ENTE COMMITTENTE, FERMO RESTANDO QUANTO STABILITO DAGLI ARTICO- 
LI 17 E 18 DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977, N. 584, RICHIEDE, NEL BANDO DI GARA,OLTRE 
IL CERTIFICATO D'ISCRIZIONE ALL'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI, O, PER LE IMPRE- 
SE STABILITE IN ALTRI STATI MEMBRI DELLA CEE, LE ATTESTAZIONI PREVISTE DAGLI ARTI-
COLI 13 E 14 DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977, N. 584, LA DICHIARAZIONE DEL POSSESSO 
DA PROVARE SUCCESSIVAMENTE AI SENSI DELL'ART. 19 DELLA STESSA LEGGE N. 584, DEI 
SEGUENTI ULTERIORI REQUISITI, CON RIFERIMENTO ALL'ULTIMO QUINQUENNIO ANTECEDEN- 
TE LA DATA DI PUBBLICAZIONE DEL BANDO: 
a) CIFRA D'AFFARI IN LAVORI, DERIVANTE DA ATTIVITA' DIRETTA E INDIRETTA 
DELL'IMPRESA, DETERMINATA AI SENSI DELL'ART. 4, COMMA 2, LETTERE c) E d),DEL DECRE-
TO MINISTERIALE 9 MARZO 1989, N. 172, VARIABILE TRA 1 E 1,50 VOLTE L'IMPORTO 
A BASE D'ASTA; 
b) COSTO PER IL PERSONALE DIPENDENTE NON INFERIORE A UN VALORE PARI ALLO 
0,10 DELLA CIFRA D'AFFARI IN LAVORI RICHIESTA AI SENSI DELLA LETTERA a), NONCHE' 
PER GLI APPALTI DI IMPORTO PARI O SUPERIORE A 3,5 MILIONI DI ECU, ESECUZIONE DI 
LAVORI NELLA CATEGORIA PREVALENTE PER UN IMPORTO COMPLESSIVO VARIABILE TRA 0,30 
E 0,40 VOLTE L'IMPORTO A BASE D'ASTA. 

ART. 6. 
Appalti di importo pari o superiore a cinque milioni di ECU e inferiore a trentacinque 
milioni di ECU 
1. PER GLI APPALTI D'IMPORTO PARI O SUPERIORE AI CINQUE MILIONI DI ECU E INFERIORE
A TRENTACINQUE MILIONI DI ECU, L'ENTE COMMITTENTE FERMO RESTANDO QUANTO 
STABILITO DAGLI ARTICOLI 17 E 18 DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977, N. 584,RICHIEDE NEL 
BANDO DI GARA OLTRE IL CERTIFICATO D'ISCRIZIONE ALL'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUT- 
TORI O, PER LE IMPRESE STABILITE IN ALTRI STATI MEMBRI DELLA CEE, LE ATTESTAZIO- 
NI PREVISTE DAGLI ARTICOLI 13 E 14 DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977, N. 584, LA DICHIA- 
RAZIONE DEL POSSESSO, DA PROVARSI SUCCESSIVAMENTE AI SENSI DELL' ART. 19 DELLA 
STESSA LEGGE N. 584, DEI REQUISITI, PRESCELTI TRA QUELLI INDICATI DAI PREDETTI 
ARTICOLI 17 E 18 DELLA LEGGE N. 584, COSI' COME DI SEGUITO PRECISATI: 
a) REFERENZE BANCARIE DOCUMENTATE CON LA PRODUZIONE DI REFERENZE RILASCIA 
TE IN BUSTA SIGILLATA DAGLI ISTITUTI DI CREDITO INDICATI DALL'IMPRESA; 
b) CIFRA D'AFFARI GLOBALE E IN LAVORI DERIVANTE DA ATTIVITA' DIRETTA ED 
INDIRETTA, DI CUI ALL'ART. 4, COMMA 2, LETTERE c) E d),DEL DECRETO DEL MINISTRO 
DEI LAVORI PUBBLICI 9 MARZO 1989, N. 172, DELL'IMPRESA NEGLI ULTIMI TRE ESERCIZI
ANTECEDENTI LA PUBBLICAZIONE DEL BANDO, RICHIESTA PER UN IMPORTO VARIABILE 
TRA 2 E 2,50 VOLTE L'IMPORTO A BASE D'ASTA PER LA CIFRA D'AFFARI GLOBALE, E NEL 
LA MISURA VARIABILE TRA 1,50 E 2,00 PER LA CIFRA IN LAVORI; 
c) IMPORTO COMPLESSIVO DEI LAVORI ESEGUITI NELL'ULTIMO QUINQUENNIO ANTECE- 
DENTE LA DATA DI PUBBLICAZIONE DEL BANDO NELLA CATEGORIA PREVALENTE O NELLE
CATEGORIE D'ISCRIZIONE RICHIESTE AI SENSI DELL'ART. 7, COMMA 6, DELLA LEGGE 10 DI 
CEMBRE 1981, N. 741. TALE IMPORTO E' RICHIESTO IN MISURA VARIABILE TRA 0,60 E 
1,20 VOLTE L'IMPORTO A BASE D'ASTA; 
d) ESECUZIONE, NELL'ULTIMO QUINQUENNIO, DI UNO O DUE LAVORI NELLA CATEGO- 
RIA PREVALENTE O NELLE CATEGORIE D'ISCRIZIONE PREVISTE NEL BANDO AI SENSI DELLO 
ART. 7, COMMA 6, DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 1981, N. 741. L'IMPORTO DI TALI LAVORI 
E' RICHIESTO IN MISURA VARIABILE TRA 0,40 E 0,50 VOLTE QUELLO A BASE D'ASTA QUA- 
LORA COMPROVATO CON DUE LAVORI. QUANDO NEL BANDO SI RICHIEDONO PIU'CATEGORIE AI 
SENSI DELL'ART. 7, COMMA 6, DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 1981, N. 741,I REQUISITI DI 
CUI ALLE LETTERE c) E d) DOVRANNO ESSERE RIFERITI A CIASCUNA DI ESSE. 
2. I LAVORI VALUTABILI DI CUI ALLE LETTERE c) E d) DEL COMMA 1 SONO QUELLI 
INIZIATI ED ULTIMATI NEL QUINQUENNIO ANTECEDENTE LA DATA DI PUBBLICAZIONE DEL 
BANDO, OVVERO LA PARTE DI ESSI ULTIMATA NELLO STESSO PERIODO PER IL CASO DI LA- 
VORI INIZIATI IN EPOCA PRECEDENTE, NONCHE' LA SOLA PARTE ESEGUITA E CONTABILIZ- 
ZATA DALLA STAZIONE APPALTANTE NEL CASO DI LAVORI IN CORSO DI ESECUZIONE. 
3. NELL'IMPORTO DEI LAVORI DEVE ESSERE COMPRESO QUELLO CONTABILIZZATO AL NET 
TO DEL RIBASSO D'ASTA SOMMATO A QUELLO DELLA RELATIVA REVISIONE PREZZI. 
4. IL REQUISITO CONCERNENTE L'ATTREZZATURA, I MEZZI D'OPERA E L'EQUIPAGGIA- 
MENTO TECNICO E' DIMOSTRATO MEDIANTE DICHIARAZIONE DELL'INTERESSATO CIRCA LA 
PROPRIETA' O L'EFFETTIVA DISPONIBILITA' DI ESSI IN RELAZIONE ALLE CARATTERISTI- 
CHE DEI LAVORI DA REALIZZARE. NON E' CONSENTITO RICHIEDERE ATTREZZATURE, MEZZI 
D'OPERA ED EQUIPAGGIAMENTI TECNICI CHE ABBIANO L'EFFETTO DI FAVORIRE DETERMINA- 
TE IMPRESE O DI ELIMINARNE ALTRE. 
5. IL REQUISITO CONCERNENTE L'ORGANICO E I TECNICI, CON RIFERIMENTO AGLI ULTIMI 
TRE ANNI, VA DOCUMENTATO MEDIANTE LA DIMOSTRAZIONE DI AVER SOSTENUTO UN CO- 
STO PER IL PERSONALE DIPENDENTE NEGLI ULTIMI TRE ESERCIZI NON INFERIORE AD UN 
VALORE PARI ALLO 0,10 DELLA CIFRA D'AFFARI IN LAVORI, DERIVANTE DA ATTIVITA' DI 
RETTA ED INDIRETTA DELL'IMPRESA, NEGLI ULTIMI TRE ESERCIZI. NEL CASO IN CUI IL 
RAPPORTO TRA IL COSTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E LA CIFRA D'AFFARI IN LAVORI 
SIA INFERIORE ALLA PERCENTUALE DI CUI SOPRA, SI APPLICANO LE DISPOSIZIONI DELLO 
ART. 18, COMMA 5, DEL DECRETO DEL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI 9 MARZO 1989, N. 
172; LA CIFRA D'AFFARI COSI' CONVENZIONALMENTE RIDETERMINATA VALE ANCHE PER LA 
DIMOSTRAZIONE DEL POSSESSO DEL REQUISITO DI CUI AL COMMA 1, LETTERA b). 
6. LE AMMINISTRAZIONI COMMITTENTI NON POSSONO RICHIEDERE AI CONCORRENTI LA 
DIMOSTRAZIONE DELLA QUALIFICAZIONE DI CUI AGLI ARTICOLI 17 E 18 DELLA LEGGE 8 
AGOSTO 1977, N. 584, CON MODALITA' DIVERSE DA QUELLE PREVISTE DAL PRESENTE ARTI- 
COLO. 

ART. 7. 
Appalti d'importo pari o superiore a trentacinque milioni di ECU 
1. PER GLI APPALTI DI IMPORTO PARI O SUPERIORE A TRENTACINQUE MILIONI DI ECU 
I VALORI MASSIMI DEI REQUISITI DI CUI ALL'ART. 6 PREVISTI PER GLI APPALTI D'IM- 
PORTO PARI O SUPERIORE A CINQUE MILIONI E INFERIORE A TRENTACINQUE MILIONI DI 
ECU SONO INCREMENTATI IN MISURA VARIABILE TRA UN MINIMO DEL 20% ED UN MASSIMO 
DEL 40%. 

ART. 8. 
Associazioni temporanee di tipo orizzontale e verticale 
1. PER LE ASSOCIAZIONI D'IMPRESE IN CUI CIASCUNA E' ISCRITTA,SECONDO LA NOR- 
MATIVA VIGENTE, ALLA O ALLE CATEGORIE E CLASSIFICHE DELL'A.N.C. RICHIESTE DALLO 
APPALTO, I REQUISITI FINANZIARI E TECNICI - SEMPRE CHE' FRAZIONABILI - DI CUI 
AGLI ARTICOLI 17 E 18 DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977, N. 584, PREVISTI NEI PRECEDEN- 
TI ARTICOLI PER L'IMPRESA SINGOLA DEVONO ESSERE POSSEDUTI NELLA MISURA VARIABI- 
LE TRA IL 40% ED IL 60% DALLA CAPOGRUPPO E LA RESTANTE PERCENTUALE CUMULATIVA- 
MENTE DALLA O DALLE MANDANTI, A CIASCUNA DELLE QUALI DEVE ESSERE RICHIESTA UNA 
PERCENTUALE VARIABILE TRA UN MINIMO DEL 10% ED IL MASSIMO DEL 20% DI QUANTO RI- 
CHIESTO CUMULATIVAMENTE. 
2. NEL CASO DI ASSOCIAZIONE DI IMPRESE IN CUI, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, 
E' CONSENTITO CHE CIASCUNA SIA ISCRITTA AD UNA SOLA CATEGORIA DELL' A.N.C. TRA 
QUELLE RICHIESTE DALL'APPALTO, I REQUISITI FINANZIARI E TECNICI DI CUI AGLI AR- 
TICOLI 17 E 18 DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977, N. 584, PREVISTI NEI PRECEDENTI ARTI- 
COLI PER L'IMPRESA SINGOLA DEVONO ESSERE POSSEDUTI DALLA CAPOGRUPPO NELLA CATE- 
GORIA PREVALENTE; NELLE CATEGORIE SCORPORATE CIASCUNA MANDANTE DEVE POSSEDERE I 
REQUISITI PREVISTI PER L'IMPORTO DELLA CATEGORIA DEI LAVORI CHE INTENDE ASSUME- 
RE E NELLA MISURA INDICATA PER L'IMPRESA SINGOLA. 

ART. 9. 
Adeguamento dei capitolati speciali alla legge 19 marzo 1990, n. 55 
1. LA DOCUMENTAZIONE DI AVVENUTA DENUNCIA AGLI ENTI PREVIDENZIALI - INCLUSA 
LA CASSA EDILE - ASSICURATIVI ED INFORTUNISTICI DEVE ESSERE PRESENTATA PRIMA 
DELL'INIZIO DEI LAVORI E COMUNQUE ENTRO TRENTA GIORNI DALLA DATA DEL VERBALE DI 
CONSEGNA. 
2. LA TRASMISSIONE DELLE COPIE DEI VERSAMENTI CONTRIBUTIVI, PREVIDENZIALI ED 
ASSICURATIVI, NONCHE' DI QUELLI DOVUTI AGLI ORGANISMI PARITETICI PREVISTI DALLA 
CONTRATTAZIONE COLLETTIVA, DOVRA' ESSERE EFFETTUATA CON CADENZA QUADRIMESTRALE. 
IL DIRETTORE DEI LAVORI HA, TUTTAVIA, FACOLTA' DI PROCEDERE ALLA VERIFICA DI TA 
LI VERSAMENTI IN SEDE DI EMISSIONE DEI CERTIFICATI DI PAGAMENTO. 
3. IL PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI PREVISTO AL 
COMMA 8 DELL'ART. 18 DELLA LEGGE 19 MARZO 1990, N.55, DEVE ESSERE CONSEGNATO AL 
L'AMMINISTRAZIONE E MESSO A DISPOSIZIONE DELLE AUTORITA' COMPETENTI PREPOSTE AL 
LE VERIFICHE ISPETTIVE DI CONTROLLO DEI CANTIERI PRIMA DELL'INIZIO DEI LAVORI E 
COMUNQUE NON OLTRE TRENTA GIORNI DALLA DATA DEL VERBALE DI CONSEGNA DEGLI STES- 
SI. 
4. IL PIANO SARA' AGGIORNATO DI VOLTA IN VOLTA E COORDINATO, A CURA DELL'AP- 
PALTATORE, PER TUTTE LE IMPRESE OPERANTI NEL CANTIERE, AL FINE DI RENDERE GLI 
SPECIFICI PIANI REDATTI DALLE IMPRESE SUBAPPALTATRICI COMPATIBILI TRA LORO E 
COERENTI CON IL PIANO PRESENTATO DALL'APPALTATORE. 
5. NELL'IPOTESI DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI IMPRESA O DI CONSORZIO, DETTO 
OBBLIGO INCOMBE ALL'IMPRESA MANDATARIA O DESIGNATA QUALE CAPOGRUPPO. 
6. IL DIRETTORE TECNICO DI CANTIERE E' RESPONSABILE DEL RISPETTO DEL PIANO 
DA PARTE DI TUTTE LE IMPRESE IMPEGNATE NELL'ESECUZIONE DEI LAVORI. 

ALLEGATO I 
BANDI DI GARA PER APPALTI DI IMPORTO PARI O SUPERIORE A CINQUE MILIONI DI ECU. 
Bando di gara per pubblici incanti 
PER I PUBBLICI INCANTI IL BANDO DI GARA DEVE CONTENERE I SEGUENTI ELEMENTI: 
a) IL NOME, L'INDIRIZZO, IL NUMERO DI TELEFONO, DI TELEGRAFO, DI TELEX E 
DI TELECOPIATRICE DEL SOGGETTO APPALTANTE; 
b) LA DATA DI INVIO ALL'UFFICIO DELLE PUBBLICAZIONI UFFICIALI DELLE COMU- 
NITA' EUROPEE; 
c) IL CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE PRESCELTO; 
d) IL LUOGO DI ESECUZIONE E LE CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA, LA NA 
TURA E L'ENTITA' DELLE PRESTAZIONI; IN CASO DI APPALTO DIVISO IN LOTTI, L'ORDI- 
NE DI GRANDEZZA DEI MEDESIMI E LA POSSIBILITA' DI PRESENTARE OFFERTA PER UNO O 
PIU' LOTTI O PER L'INSIEME;L'INDICAZIONE DELLE EVENTUALI OPERE SCORPORABILI CON 
IL RELATIVO IMPORTO; LA CATEGORIA A.N.C. E LA CLASSIFICA DEL LAVORO PREVALENTE 
E DELLE EVENTUALI OPERE SCORPORABILI; 
e) IL TERMINE DI ESECUZIONE DELL'APPALTO; 
f) IL SOGGETTO E L'INDIRIZZO CUI POSSONO RICHIEDERSI IL CAPITOLATO D'ONE- 
RI ED I DOCUMENTI COMPLEMENTARI E L'AMMONTARE E LE MODALITA' DI VERSAMENTO DEL- 
LA SOMMA, EVENTUALMENTE, DA PAGARE PER OTTENERE LA SUDDETTA DOCUMENTAZIONE; 
g) IL TERMINE DI RICEZIONE DELLE OFFERTE, L'INDIRIZZO A CUI QUESTE DEVONO 
TRASMETTERSI E LA LINGUA O LE LINGUE IN CUI DEBBONO REDIGERSI; 
h) CHI E' AMMESSO AD ASSISTERE ALL'APERTURA DEI PLICHI CONTENETI LE OFFER- 
TE, NONCHE' LA DATA, L'ORA ED IL LUOGO DI DETTA APERTURA; 
i) LE INDICAZIONI RELATIVE ALLA CAUZIONE ED AD OGNI ALTRA EVENTUALE FORMA 
DI GARANZIA RICHIESTA ALL'APPALTATORE AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE; 
j) LE MODALITA' ESSENZIALI DI FINANZIAMENTO E DI PAGAMENTO DELLA PRESTA- 
ZIONE CON RIFERIMENTO ALLA NORMATIVA CHE LE PRESCRIVE; 
L1 k) LA FACOLTA' PER I CONCORRENTI DI PRESENTARE OFFERTA AI SENSI DEGLI AR- 
TICOLI 20 E SEGUENTI DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977, N. 584, E SUCCESSIVE MODIFICA- 
ZIONI ED INTEGRAZIONI; 
l) I REQUISITI MINIMI DI CARATTERE ECONOMICO-FINANZIARIO E TECNICO-ORGA 
NIZZATIVO CHE SI RICHIEDONO AGLI ASPIRANTI IN CONFORMITA' A QUANTO PRESCRITTO 
DAGLI ARTICOLI 17 E 18 DELLA PREDETTA LEGGE, E COME DETERMINATI IN BASE AL PRE- 
SENTE DECRETO, NONCHE' LE CAUSE DI ESCLUSIONE DALLA GARA DI CUI ALL'ART. 13 DEL 
LA LEGGE N. 584 DEL 1977; 
m) IL PERIODO DECORSO IL QUALE GLI OFFERENTI HANNO FACOLTA' DI SVINCOLAR- 
SI DALLA PROPRIA OFFERTA; 
n) RICHIESTA ALL'OFFERENTE DELL'INDICAZIONE DEI LAVORI CHE EVENTUALMENTE 
INTENDE SUBAPPALTARE; 
o) AMMISSIBILITA' DI OFFERTE IN AUMENTO; 
p) SE SI PROCEDERA' ALL'AGGIUDICAZIONE ANCHE QUANDO SIA PRESENTE UNA SOLA 
OFFERTA; 
q) AMMISSIONE DELLE IMPRESE NON ISCRITTE ALL'ANC AVENTI SEDE IN UNO STATO 
DELLA CEE ALLE CONDIZIONI PREVISTE DAGLI ARTICOLI 13 E 14 DELLA LEGGE N.584 DEL 
1977; 
L1 r) RICHIESTA ALL'OFFERENTE DI SPECIFICARE CHE L'OFFERTA TIENE CONTO DEGLI 
ONERI PREVISTI PER I PIANI DI SICUREZZA; 
s) LA FACOLTA' DI AVVALERSI DELLA PROCEDURA DI CUI ALL'ART. 2-bis, COMMA 
2, DELLA LEGGE 26 APRILE 1989, N. 155. 
Bando di gara per licitazione privata ed appalto-concorso 
PER LE LICITAZIONI PRIVATE E PER L'APPALTO-CONCORSO IL BANDO DI GARA DEVE 
CONTENERE I SEGUENTI ELEMENTI: 
1) LE NOTIZIE DI CUI ALLE LETTERE a), b), d), e), i), j), k), m), n), o), 
q), E s) DEL PRECEDENTE BANDO DI GARA; 
2) IL CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE; 
3) NEL CASO DI APPALTO AVENTE PER OGGETTO, OLTRE ALL'EVENTUALE ESECUZIONE 
DEI LAVORI, ANCHE L'ELABORAZIONE DEI PROGETTI, LE INDICAZIONI UTILI A DARE CONO 
SCENZA DELL'OGGETTO DEL CONTRATTO ED A PRESENTARE LE RELATIVE PROPOSTE; 
4) IL TERMINE DI RICEZIONE DELLE DOMANDE DI PARTECIPAZIONE, L' INDIRIZZO 
AL QUALE TALI DOMANDE DEBBONO ESSERE INVIATE E LA LINGUA O LE LINGUE IN CUI DEB 
BONO REDIGERSI; 
5) IL TERMINE MASSIMO ENTRO IL QUALE IL SOGGETTO APPALTANTE SPEDIRA' GLI 
INVITI A PRESENTARE OFFERTA; 
6) LE INDICAZIONI DA INCLUDERE NELLA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE, SOTTO FOR 
MA DI DICHIARAZIONI SUCCESSIVAMENTE VERIFICABILI, RIGUARDANTI I REQUISITI SOG- 
GETTIVI DEI CONCORRENTI, NONCHE' QUELLI DI CUI ALLA LETTERA l) DEL PRECEDENTE 
BANDO DI GARA. 
GLI INVITI A PRESENTARE OFFERTA DEBBONO SPECIFICARE: 
1) LE INDICAZIONI DI CUI AL RELATIVO BANDO DI GARA,QUELLE DI CUI ALLE LET 
TERE f), g), p) E r) DEL PRECEDENTE BANDO DI GARA; 
2) I DOCUMENTI PRESCRITTI DALLA VIGENTE NORMATIVA DA PRESENTARE PER L'AM- 
MISSIONE ALLE GARE, NONCHE' I DOCUMENTI CHE L'AGGIUDICATARIO E' TENUTO A PRESEN 
TARE A RIPROVA DELLE DICHIARAZIONI CONCERNENTI I REQUISITI DI CUI AGLI ARTICOLI 
17 E 18 DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977, N. 584, E A COMPLETAMENTO DELLE INFORMAZIONI 
FORNITE. 
Bando di gara per le concessioni di costruzione e gestione (*) 
(*) PER LE CONCESSIONI DI SOLA COSTRUZIONE DEVONO ESSERE UTILIZZATI GLI SCHE 
MI DI BANDO PREVISTI PER GLI APPALTI. 
PER LE CONCESSIONI DI COSTRUZIONE E GESTIONE IL BANDO DI GARA DEVE CONTENERE 
I SEGUENTI ELEMENTI: 
1) IL NOME, L'INDIRIZZO, IL NUMERO TELEFONICO, DI TELEGRAFO, DI TELEX E 
DI TELECOPIATRICE DEL SOGGETTO CONCEDENTE; 
2) LA DATA DI INVIO DEL BANDO ALL'UFFICIO DELLE PUBBLICAZIONI UFFICIALI 
DELLE COMUNITA' EUROPEE; 
3) I CRITERI IN BASE AI QUALI VERRA' SCELTO IL CONCESSIONARIO; 
4) IL LUOGO DI ESECUZIONE, L'OGGETTO DELLA CONCESSIONE, LA NATURA E L'EN- 
TITA' DELLE PRESTAZIONI; 
5) LE CONDIZIONI MINIME DI CARATTERE PERSONALE, TECNICO E FINANZIARIO CHE 
SI RICHIEDONO AGLI ASPIRANTI CONCESSIONARI; 
6) LA PERCENTUALE MINIMA CHE IL CONCESSIONARIO DEVE AFFIDARE A TERZI E 
L'OBBLIGO DI INDICARE IN SEDE DI OFFERTA L'EVENTUALE MAGGIOR MISURA DI DETTA 
PERCENTUALE; 
7) IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE, L'INDIRIZZO CUI DEB 
BONO TRASMETTERSI, LA LINGUA O LE LINGUE IN CUI DEBBONO REDIGERSI, NONCHE',EVEN 
TUALEMENTE, IL TERMINE ENTRO IL QUALE IL CONCEDENTE SPEDIRA' GLI INVITI. 
Avviso di gara 
L'AVVISO DI GARA PREVISTO DALLA VIGENTE NORMATIVA DEVE CONTENERE I SEGUENTI 
ELEMENTI: 
1) LE NOTIZIE DI CUI ALLE LETTERE a), b), c) E d) DEL BANDO DI GARA PER 
PUBBLICI INCANTI, OVVERO, NEL CASO DI CONCESSIONI DI COSTRUZIONE E GESTIONE, LE 
NOTIZIE DI CUI AI PUNTI 1), 2), 3) E 4) DEL RELATIVO BANDO DI GARA; 
2) IL TERMINE DI RICEZIONE DELLE DOMANDE; 
3) LA REPERIBILITA' DEL BANDO DI GARA IN EDIZIONE INTEGRALE ( ESTREMI DI 
PUBBLICAZIONE NELLA Gazzetta Ufficiale ITALIANA, PRESSO LE'ENTE APPALTANTE,ECC) 

ALLEGATO II 
BANDI DI GARA PER APPALTI DI IMPORTO PARI O SUPERIORE AL MILIONE DI ECU ED INFE- 
RIORE A CINQUE MILIONI DI ECU. 
Bando di gara per pubblici incanti 
PER I PUBBLICI INCANTI IL BANDO DI GARA DEVE CONTENERE LE INDICAZIONI RICHIE- 
STE PER I BANDI DI CUI ALL'ALLEGATO I), AD ECCEZIONE DI QUELLE PREVISTE ALLE 
LETTERE b) ED o). 
Bando di gara per licitazione privata ed appalto-concorso 
PER LE LICITAZIONI PRIVATE E L'APPALTO-CONCORSO IL BANDO DEVE CONTENERE I 
SEGUENTI ELEMENTI: 
1) LE NOTIZIE DI CUI ALLE LETTERE a), c), d), e), i), j), k), m), n) q) E 
s) DEL BANDO DI GARA PER PUBBLICI INCANTI DELL'ALLEGATO I; 
2) NEL CASO DI APPALTO AVENTE PER OGGETTO, OLTRE ALL'EVENTUALE ESECUZIONE 
DEI LAVORI, ANCHE L'ELABORAZIONE DI PROGETTI, INDICAZIONI UTILI A DARE CONOSCEN- 
ZA DELL'OGGETTO DEL CONTRATTO ED A PRESENTARE LE RELATIVE PROPOSTE; 
3) IL TERMINE DI RICEZIONE DELLE DOMANDE DI PARTECIPAZIONE, L' INDIRIZZO 
AL QUALE DEBBONO ESSERE INVIATE; 
4) IL TERMINE MASSIMO ENTRO IL QUALE IL SOGGETTO APPALTANTE SPEDIRA' GLI 
INVITI A PRESENTARE OFFERTA; 
5) LE INDICAZIONI DA INCLUDERE NELLA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE, SOTTO FOR 
MA DI DICHIARAZIONI SUCCESSIVAMENTE VERIFICABILI, RIGUARDANTI I REQUISITI SOG- 
GETTIVI DEI CONCORRENTI NONCHE' QUELLI DI CUI ALLA LETTERA l) DEL BANDO PER PUB 
BLICI INCANTI DELL'ALLEGATO I. 
GLI INVITI A PRESENTARE OFFERTA DEBBONO SPECIFICARE: 
1) LE INDICAZIONI DI CUI AL RELATIVO BANDO DI GARA,QUELLE DI CUI ALLE LETTERE 
f), g), h), p) E r) DEL BANDO DI GARA PER PUBBLICI INCANTI DELL'ALLEGATO I 
2) I DOCUMENTI PRESCRITTI DALLA VIGENTE NORMATIVA DA PRESENTARE PER L'AMMIS- 
SIONE ALLE GARE, NONCHE' I DOCUMENTI CHE L'AGGIUDICATARIO E' TENUTO A PRESEN- 
TARE A RIPROVA DELLE DICHIARAZIONI CONCERNENTI I REQUISITI DI CUI AGLI ARTICOLI 
17 E 18 DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977, N. 584, ED A COMPLETAMENTO DELLE INDICAZIONI 
FORNITE. 
Bando di gara per le concessioni di costruzione e gestione (*) 
(*) PER LE CONCESSIONI DI SOLA COSTRUZIONE DEVONO ESSERE UTILIZZATI GLI SCHE- 
MI DI BANDO PREVISTI PER GLI APPALTI. 
PER LE CONCESSIONI DI COSTRUZIONE E GESTIONE IL BANDO DI GARA DEVE CONTENERE 
I SEGUENTI ELEMENTI: 
1) IL NOME, L'INDIRIZZO, IL NUMERO TELEFONICO, DI TELEGRAFO, DI TELEX E 
DI TELECOPIATRICE DEL SOGGETTO CONCEDENTE; 
2) I CRITERI IN BASE AI QUALI VERRA' SCELTO IL CONCESSIONARIO; 
3) IL LUOGO DI ESECUZIONE, L'OGGETTO DELLA CONCESSIONE, LA NATURA E L'EN- 
TITA' DELLE PRESTAZIONI; 
4) LE CONDIZIONI MINIME DI CARATTERE PERSONALE, TECNICO E FINANZIARIO CHE 
SI RICHIEDONO AGLI ASPIRANTI CONCESSIONARI; 
5) LA PERCENTUALE MINIMA CHE IL CONCESSIONARIO DEVE AFFIDARE AI TERZI E 
L'OBBLIGO DI INDICARE IN SEDE DI OFFERTA L'EVENTUALE MAGGIOR MISURA DI DETTA 
PERCENTUALE; 
6) IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE, L'INDIRIZZO CUI DEBBONO  TRASMETTERSI, NONCHE', EVENTUALMENTE, IL TERMINE ENTRO IL QUALE IL CONCE- 
DENTE SPEDIRA' GLI INVITI. 
Avviso di gara 
L'AVVISO DI GARA PREVISTO DALLA VIGENTE NORMATIVA DEVE CONTENERE I SEGUENTI 
ELEMENTI: 
1) LE NOTIZIE DI CUI ALLE LETTERE a), c), E d) DEL BANDO DI CUI ALL'ALLE- 
GATO I OVVERO, NEL CASO DI CONCESSIONI DI COSTRUZIONE E GESTIONE LE NOTIZIE DI 
CUI AI PUNTI 1), 2), 3) E 4) DEL RELATIVO BANDO DI GARA; 
2) IL TERMINE DI RICEZIONE DELLE DOMANDE; 
3) REPERIBILITA' DEL BANDO IN EDIZIONE INTEGRALE ( ESTREMI DI PUBBLICAZIONE 
NELLA Gazzetta Ufficiale, NEL BOLLETTINO REGIONALE, OPPURE PRESSO L'ENTE AP- 
PALTANTE). 

ALLEGATO III 
BANDI DI GARA PER APPALTI DI IMPORTO INFERIORE AL MILIONE DI ECU 
Bandi di gara per pubblici incanti 
PER I PUBBLICI INCANTI IL BANDO DI GARA DEVE CONTENERE TUTTE LE NOTIZIE RI- 
CHIESTE PER IL BANDO DELL'ALLEGATO I AD ECCEZIONE DELLE LETTERE b), l) ED o). 
Bandi di gara per licitazione privata ed appalto-concorso 
IN CASO DI LICITAZIONE PRIVATA ED APPALTO-CONCORSO IL BANDO DEVE CONTENERE 
LE NOTIZIE RICHIESTE ALLE LETTERE a), c), d), e), j), k), m), q) E s DEL BANDO 
DI GARA PER PUBBLICI INCANTI DELL'ALLEGATO I. 
DEVE, INOLTRE, CONTENERE IL TERMINE DI RICEZIONE DELLE DOMANDE DI PARTECIPA- 
ZIONE E L'INDIRIZZO AL QUALE DEBBONO INVIARSI, NONCHE' IL TERMINE MASSIMO ENTRO 
IL QUALE IL SOGGETTO APPALTANTE SPEDIRA' GLI INVITI. 
GLI INVITI A PRESENTARE OFFERTA DEBBONO SPECIFICARE: 
1) TUTTE LE INDICAZIONI DEL RELATIVO BANDO DI GARA; 
2) LE INDICAZIONI DI CUI ALLE LETTERE f), g), n), p), E r) DEL BANDO DI 
CUI ALL'ALLEGATO I, E I DOCUMENTI PRESCRITTI DALLA NORMATIVA VIGENTE PER L' AM- 
MISSIONE ALLE GARE. 
Bando di gara per le concessioni di costruzione e gestione (*) 
(*) PER LE CONCESSIONI DI SOLA COSTRUZIONE DEVONO ESSERE UTILIZZATI GLI SCHE- 
MI DI BANDO PREVISTI PER GLI APPALTI. 
PER LE CONCESSIONI DI COSTRUZIONE E GESTIONE IL BANDO DI GARA DEVE CONTENERE 
I SEGUENTI ELEMENTI: 
1) IL NOME, L'INDIRIZZO, IL NUMERO TELEFONICO, DI TELEGRAFO, DI TELEX E 
DI TELECOPIATRICE DEL SOGGETTO CONCEDENTE; 
2) I CRITERI IN BASE AI QUALI VERRA' SCELTO IL CONCESSIONARIO; 
3) IL LUOGO DI ESECUZIONE, L'OGGETTO DELLA CONCESSIONE, LA NATURA E L'EN- 
TITA' DELLE PRESTAZIONI; 
4) LE CONDIZIONI MINIME DI CARATTERE PERSONALE, TECNICO E FINANZIARIO CHE 
SI RICHIEDONO AGLI ASPIRANTI CONCESSIONARI; 
5) LA PERCENTUALE MINIMA CHE IL CONCESSIONARIO DEVE AFFIDARE A TERZI E 
L'OBBLIGO DI INDICARE IN SEDE DI OFFERTA L'EVENTUALE MAGGIOR MISURA DI DETTA 
PERCENTUALE; 
6) IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE, L'INDIRIZZO CUI DEB 
BONO TRASMETTERSI, NONCHE', EVENTUALMENTE, IL TERMINE ENTRO IL QUALE IL CONCE- 
DENTE SPEDIRA' GLI INVITI. 
Avviso di gara 
PER LE LICITAZIONI PRIVATE E GLI APPALTI-CONCORSO PER APPALTI DI IMPORTO IN- 
FERIORE AL MILIONE DI ECU L'AVVISO DI GARA PREVISTO DALLA VIGENTE NORMATIVA 
COINCIDE, IN QUANTO A CONTENUTI, CON IL BANDO DI GARA INTEGRALE
.