logo Clicc@vvisi  
  siete qui: servizi > leggi > ...

Decreto ministeriale n. 172/89

D.M. (MINISTRO LL.PP ) 9. MARZO 1989 N.172 APPROVIGGIONAMENTO DEL REGOLAMENTO PER L'ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI. 1982 N.770

ART. 1 - COMITATI REGIONALI COMPETENZE.
(ART. 8 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N.57 COME MODIFICATO DALL'ART.4 DELLA LEGGE N.768).
1. I COMITATI REGIONALI PER L'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI SONO COMPETENTI A DELIBERARE SULLE RICHIESTE DI ISCRIZIONE SINO ALL'IMPORTO DI L.3 MILIARDI.
2. ESSI ESPRIMONO PARERE NON VINCOLANTE SULLE RICHIESTE DI PROVVEDIMENTI DI ISCRIZIONE PER IMPORTO SUPERIORE A QUELLO INDICATO NEL PRECEDENTE PUNTO.

ART. 10 - CRITERI DI ACCERTAMENTO E DI VALUTAZIONE DEI LAVORI ESEGUITI ALL'ESTERO..
(ART. 14 N.1 COMMA 5 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N.57 COME SUCCESSIVAMENTE MODIFICATA).
PER I LAVORI ESEGUITI ALL'ESTERNO DA IMPRESE CON SEDE LEGALE IN ITALIA IL RI CHIEDENTE DOVRA' PRODURRE:
- IL CERTIFICATO RILASCIATO DAL CONSOLATO COMPETENTE DAL QUALE DOVRANNO RISULTARE PREVIO ESPLETAMENTO DALLE INDAGINI DI CUI ALL'ART.14 COMMA 5 DELLA LEGGE 57/1962 I LAVORI ESEGUITI IL LORO AMMONTARE I TEMPI DI ESECUZIONE NONCHE' LA DICHIARAZIONE CHE I LAVORI FURONO ESEGUITI REGOLARMENTE E CON BUON ESITO;
- OGNI ALTRA DOCUMENTAZIONE IDONEA ALLA VALUTAZIONE DEI LAVORI ESEGUITI COME COPIA DEL CONTRATTO ALTRO ATTO EQUIVALENTE DICHIARAZIONE DEL COMMITTENTE ESTERNO.

ART.11 - APPLICAZIONE DELLA CATEGORIA PREVALENTE
(ART.1 ,2 COMMA DELLA LEGGE 15 NOVEMBRE 1986 N.786 ART.7 ULTIMO COMMA DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 1981 N.741 ART.9 , 3 COMMA DELLA LEGGE 8 OTTOBRE 1984 N.687).
1. PER "CATEGORIA PREVALENTE" SI INTENDE LA CATEGORIA DI CUI AL D.M. 25 FEBBRAIO 1982 N. 770 CHE IDENTIFICA L'OPERA DA ESEGUIRE.
2. L'ISCRIZIONE NELLA CATEGORIE PREVALENTE COSTITUISCE TITOLO NECESSARIO E SUFFICIENTE PER L'AMMISSIONE ALLA GARA SALVO CHE L'IMPORTO DELLE LAVORAZIONI IN CIASCUNA DELLE CATEGORIE SPECIALISTICHE DI CUI AL D.M. SOPRA CITATO SUPERI IL 20% DEL PREZZO DI APPALTO.
3. LE LAVORAZIONI NELLE CATEGORIE SPECIALISTICHE DI CUI AL D.M. 25 FEBBRAIO 1982 N.770 DA ESEGUIRE NELL'AMBITO DELL'APPALTO PRINCIPALE, DOVRA' ESSERE REALIZZATE DA DITTE ISCRITTE NELL'ALBO NAZIONALE COSTRUTTORI IN CATEGORIE ED IMPORTI ADEGUATI, NEL CASO L'IMPRESA AGGIUDICATARIA NON SIA TITOLARE DI IDONEE ISCRIZIONE.
4. I LAVORI ESEGUITI NELLE CATEGORIE SPECIALISTICHE DI CUI AL PRECEDENTE PARAGRAFO, L'IMPORTO DI CIASCUNO DEI QUALI SIA CONTENUTO NEL 20% DEL VALORE COMPLESSIVO DELL'OPERA, NON COSTITUISCONO PER L'IMPRESA AGGIUDICATARIA TITOLO PER LA ISCRIZIONE PER LE CATEGORIE CORRISPONDENTE.

ART. 12 - I LAVORI ESEGUITI DALL'IMPRESA AGGIUDICATARIA E DALL'IMPRESA SUBAPPALTATRICE.
(ART.1 SECONDO COMMA DELLA LEGGE 15 NOVEMBRE 1968 N.768)AI FINI DELLA ISCRIZIONE DELLE IMPRESE CHE HANNO AFFIDATO LAVORI IN SUBAPPALTO E LE IMPRESE CHE HANNO ESEGUITO LAVORI IN REGIME DI SUBAPPALTO, VALGONO I SEGUENTI PRINCIPI:
A) I LAVORI ASSUNTI IN REGIME DI SUBAPPALTO DEVONO ESSERE CLASSIFICABILI AI SENSI DEL D.M. 25 FEBBRAIO 1982 N.770;
L'IMPRESA SUBAPPALTATRICE PUO' UTILIZZARE PER L'ISCRIZIONE IN QUANTITATIVO DEI LAVORI ESEGUITI AVENTI LE CARATTERISTICHE PREDETTE E, OVE PRESCRITTO GLI ESTREMI DELL'AUTORIZZAZIONE CONCESSA DEVONO ESSERE INDICATI NEI CERTIFICATI ATTESTANTI I LAVORI ESEGUITI IN SUBAPPALTO, DI CUI ALLEGATO 1.IMO LE SEMPLICI FORNITURE NON ASSIMILABILI AD ATTIVITA' COSTRUTTIVA NON POSSONO COSTITUIRE TITOLO PER L'ISCRIZIONE SALVO QUANTO PREVISTO DAL DECRETO MINISTERIALE SOPRACITATO;
B) L'IMPRESA AGGIUDICATARIA PUO' UTILIZZARE PER L'ISCRIZIONE L'IMPORTO COMPLESSIVO DEI LAVORI, OVE L'IMPORTO DI QUELLI SUBAPPALTATI NON SUPERI IL 30% DELL'IMPORTO COMPLESSIVO.
IN CASO CONTRARIO L'AMMONTARE COMPLESSIVO DEI LAVORI VIENE DECURTATO DELLA QUOTA ACCEDENTE QUELLA ANZIDETTA.

ART. 13 - CRITERIO DI VALUTAZIONE DEGLI IMPORTI DICHIARATI
(ART.1 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N. 57; ART.18 LETT.B) DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977 N. 584).
1. NEL CASO DI LAVORI IL CUI COMMITTENTE NON SIA UN'AMMINISTRAZIONE DELLO STATO, UN ENTE PUBBLICO O UN SOGGETTO COMUNQUE TENUTO A ALL'APPLICAZIONE DELLE LEGGI SUI LAVORI PUBBLICI, L'IMPORTO DEI LAVORI DEVE ESSERE DESUNTO DAL CONTRATTO D'APPALTO, REGOLARMENTE REGISTRATO.
2. NEL CASO DI LAVORI DI PROPRIO SI FA RIFERIMENTO A PARAMETRI FISICI (METRI QUADRATI E METRI CUBI) VALUTATI SULLA BASE DI PRESCRIZIONI E INDICI UFFICIALI
3. NEL CASO DI OPERE DI EDILIZIA ABITATIVA SI FA RIFERIMENTO AI LAVORI STABILITI IN VIA GENERALE DAL COMITATO PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE - CER.
4. NEI CASI INDICATIO LE RELATIVE DICHIARAZIONI DEBBONO ESSERE DISTATE COMPETENTE UFFICIO DEL PROVVEDITORE EREGIONALE ALLE OPERE PUBBLICHE IL QUALE DEVE CONFERMARE L'AVVENUTA ESECUZIONE DELLE OPERE NONCHE' IL CORRISPONDENTE IMPORTO. A QUESTO FINE, LE IMPRESE DEBBONO ESIBIRE AL SUDDETTO UFFICIO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE:
A) CONCESSIONE EDILIZIA RELATIVA ALL'OPERA REALIZZATA, OVE RICHIESTA COME ALLEGATA COPIA AUTENTICA DEL PROGETTO APPROVATO;
B) COPIA DEL CONTRATTO STIPULATO;
C) COPIA DELLE FATTURE CORRISPONDENTI AL QUANTITATIVO DEI LAVORI ESEGUITI.

ART. 14 - DIREZIONE TECNICA
(ART.14 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N. 57 COME SUCCESSIVAMENTE MODIFICATA ART.19, 20 N.7 E 21 N.5 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N.57, COME SUCCESSIVAMENTE MODIFICATA).
(CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI 2 AGOSTO 1985 N. 382)
1. LA DIREZIONE TECNICA E' L'ORGANO COSTITUITO DA UNO O PIU' SOGGETTI, RESPONSABILE DELLA CONDUZIONE TECNICA DELL'IMPRESA;
LA DIREZIONE TECNICA DELL'IMPRESA COMPIE TUTTI GLI ADEMPIMENTI DI CARATTERE TECNICO ORGANIZZATIVO NECESSARI PER LA REALIZZAZIONE DEI LAVORI DA ESEGUIRE;
2. TITOLARI DELLA DIREZIONE TECNICA SONO LE PERSONE INVESTITE DEI POTERI DI CUI AL PRECEDENTE PARAGRAFO N.1 ESSI POSSONO COINCIDERE CON IL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL'IMPRESA.
3. SALVE LE SITUAZIONI PROGRESSIVE ALMENO UNA PERSONA NELL'AMBITO DELLA DIREZIONE TECNICA DEVE ESSERE DOTATA DI ADEGUATO TITOLO DI STUDIO, QUALE LA LAUREA IN INGEGNERIA ARCHITETTURA O GEOLOGIA, IL DIPLOMA DI GEOMETRA OD EQUIVALENTE TITOLO DI STUDIO, OVVERO DEL TITOLO PROFESSIONALE INTESO COME ESPERIENZA ACQUISITA NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI.
4. I SOGGETTI DESIGNATI ALL'INCARICO DI DIRETTORE TECNICO PROVVISTI DI TITOLO DI STUDIO DI CUI AL PRECEDENTE N.3 DEBBONO COMPROVARE CON LORO TITOLO PROFESSIONALE DIMOSTRANDO DI AVER DIRETTO LAVORI CLASSIFICABILI AI SENSI DEL D.M. 25 FEBBRAIO 1982 N.770 PER CONTO DIO IMPRESA COSTRUZIONI CON I POTERI DI CUI AL PUNTO 1.
5. I SOGGETTI DESIGNATI NELL'INCARICO DI DIRETTORE TECNICO NON POSSONO RIVESTIRE ANALOGO INCARICO PER CONTO DI ALTRE IMPRESE ISCRITTE ALL'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI; ESSI DEBBONO PRODURRE UNA DICHIARAZIONE DI UNICITA' DI INCARICO RESA NEI MODI DI CUI AL PRECEDENTE ARTICOLO 9 IN CONFORMITA' ALLEGATO N.3.
6. ENTRO GLI IMPORTI PREVISTI L'INSERIMENTO NELLA DIREZIONE TECNICA DELL'IMPRESA POTRA' CONSENTIRE L'ISCRIZIONE O LA MODIFICA DI ISCRIZIONE NELLE CATEGORIE DI CUI AL D.M. 25 FEBBRAIO 1982 N.770 SOLTANTO NEL CASO IN CUI I SOGGETTI DESIGNATO ABBIANO FUNZIONI DI DIRETTORE TECNICO PER UN PERIODO COMPLESSIVO NON INFERIORE AI DUE ANNI PER CONTO DI UN IMPRESA ISCRITTA NELL'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI.
LO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI SOPRA DEVE ESSERE DIMOSTRATO CON L'ESIBIZIONE DI IDONEI CERTIFICATI.
7. LA VALUTAZIONE DEI LAVORI OGGETTO DI DIREZIONE DA COMPROVARE CON LA PRESCRITTA CERTIFICAZIONE DI CUI ALLEGATO N.1 E' EFFETTUATA ABBATTENDO AD UN QUARTO L'IMPORTO COMPLESSIVO DI ESSI. L'IMPORTO COSI' OTTENUTO NON POTRA' SUPERARE UTILMENTE L. 1,5 MILIARDI.
8. L'ISCRIZIONE NELLE CATEGORIE DI CUI AL D.M. 25 FEBBRAIO 1982 N. 770 DEVE ESSERE COLLEGATA AL DIRETTORE O AI SINGOLI DIRETTORI TECNICI CHE L'ANNO CONSENTITA.
9. L'ISCRIZIONE PUO' ESSERE CONFERMATA PER CATEGORIE ED IMPORTI CORRISPONDENTI, OVVERO RIDOTTA, SULLA BASE DI AUTONOMA E SPECIFICA VALUTAZIONE, SE L'IMPRESA PROVVEDE ALLA SOSTITUZIONE DEL O DEI DIRETTORI TECNICI USCENTI, CON SOGGETTI AVENTI ANALOGA O MIGLIORE IDONEITA.
10. NEL CASO IN CUI L'IMPRESA NON PROVVEDA ALLA SOSTITUZIONE DEL O DEI DIRETTORI TECNICI USCENTI, SI DISPORRA':
- LA CANCELLAZIONE DELLE ISCRIZIONE NELLE CATEGORIE ED IMPORTI CORRISPONDENTI, CONNESSI ALLA PRESENZA DEL O DEI DIRETTORI TECNICI USCENTI;
- LA CONFERMA O LA RIDUZIONE DELLE ISCRIZIONI NELLE CATEGORIE ED IMPORTI CORRISPONDENTI, NEL CASO IN CUI L'IMPRESA DIMOSTRI DI AVER ESEGUITO LAVORI RISPETTIVAMENTE DI PARI O MINORE IMPORTO NELLE CATEGORIE IN PRECEDENZA CONNESSE ALLA DIREZIONE TECNICA.
11. NEI CASI IN CUI LA VARIAZIONE DELLE DIREZIONE TECNICA SIA INFLUENTE PER LA ISCRIZIONE CONSEGUITA, OVVERO NEL CASO IN CUI LA MEDESIMA SIA COSTITUITA DA UNA SOLA PERSONA, L'IMPRESA DEVE DARNE COMUNICAZIONE ALL'ISPETTORATO GENERALE PER L'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI NONCHE' AI COMITATI REGIONALI TERRITORIALMENTE COMPETENTI, ENTRO E NON OLTRE 30 GG. DALLA DATA DELL'AVVENUTA VARIAZIONE PER LE CORRISPONDENTI ANNOTAZIONI SUI CERTIFICATI DI ISCRIZIONE, PENA LA SOSPENSIONE DELLA EFFICACIA DELLA ISCRIZIONE PER UN PERIODO NON INFERIORE A TRE MESI, O LA CANCELLAZIONE NEI CASI DI ACCERTATA RECIDIVA.

ART. 15 - PROCEDIMENTI PENALI PENDENTI E DEFINITI
(ART. 28 N. 2 DELLA LEGGE 3 GENNAIO 1978, N. 1; ARTT. 20, 21 E 22 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N. 57 COME SUCCESSIVAMENTE MODIFICATA.
1. FERMO IL DISPOSTO DELL'ART. 28 N. 2 DELLA LEGGE 3 GENNAIO 1978 N. 1 PER QUANTO RIGUARDA I PRECEDENTI PENALI, I PROCEDIMENTI PENALI PENDENTI PER REATI, CONTESTATI AL TITOLARE O AL RAPPRESENTANTE LEGALE O AL DIRETTORE TECNICO DELLA IMPRESA, CHE INCIDONO SULLA AFFIDABILITA' MORALE DELLE PERSONE SUDDETTE, COSTITUISCONO CAUSE OSTATIVE PER L'ISCRIZIONE OVVERO CAUSE DI SOSPENSIONE DELLA EFFICACIA DELLA ISCRIZIONE NELL'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI.
2. I REATI DI CUI AL PRECEDENTE PUNTO DEBBONO CONSISTERE IN DELITTI CHE PER LA LORO NATURA DOLOSA E PER LA LORO PARTICOLARE GRAVITA' FACCIANO VENIR MENO I REQUISITI DI NATURA MORALE INDISPENSABILI PER INSTAURARE RAPPORTI CONTRATTUALI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, L'ORDINE PUBBLICO (COMPRESA L'IPOTESI DI CUI ALL'ART. 416/BIS AGGIUNTO AL CODICE PENALE), LA FEDE PUBBLICA ED IL PATRIMONIO.
3. AI FINI DELLA SOSPENSIONE DELL'EFFICACIA DELL'ISCRIZIONE, PER I DELITTI DI CUI AL PRECEDENTE PUNTO N. 2, E' NECESSARIO CHE SIA STATO DISPOSTO IL RINVIO A GIUDIZIO DELL'IMPUTATO O EMESSO ALTRO PROVVEDIMENTO EQUIVALENTE.
4. LA SENTENZA DEFINITIVA DI CONDANNA INFLITTA AL TITOLARE DELL'IMPRESA, AL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA SOCIETA' O AL DIRETTORE TECNICO PER I DELITTI DI CUI AL PRECEDENTE PUNTO 2 DETERMINA LA CANCELLAZIONE DELL'IMPRESA DALL'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI.
5. I PROVVEDIMENTI DI SOSPENSIONE DELL'EFFICACIA DELL'ISCRIZIONE E DI CANCELLAZIONE DALL'ALBO DI CUI AI PUNTI PRECEDENTI, DEVONO ESSERE PRECEDUTI DALLA PROCEDURA DI CONTESTAZIONE DEI FATTI ADDEBITATI, CON ASSEGNAZIONE ALL'IMPRESA DI UN TERMINE NON MINORE DI 15 GG., PER LA PRESENTAZIONE DELLE DEDUZIONI DIFENSIVE.

ART. 16 - CANCELLAZIONE NEI CASI PREVISTI DALL'ART. 21 N. 3 N. 4 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N. 57 COME SUCCESSIVAMENTE MODIFICATA
1. NEI CASI DI FALLIMENTO O DI ALTRA PROCEDURA CONCORSUALE AVENTE ANALOGHI EFFETTI A CARICO DI IMPRESE, DI CESSAZIONE DI ATTIVITA' FORMALMENTE REGISTRATA E DI FORMALE MESSA IN LIQUIDAZIONE DI SOCIETA', IL PROVVEDIMENTO DI CANCELLAZIONE DALL'ALBO DEI COSTRUTTORI E' ADOTTATO SULLA BASE DELLA CERTIFICAZIONE DEGLI UFFICI COMPETENTI.
2. LE DOMANDE DI CANCELLAZIONE DEBBONO ESSERE PRESENTATE NELLE FORME DI CUI AL PRECEDENTE ART. 9.

ART.17 - REVISIONE: ORGANI COMPETENTI
(ART. 6^, 2^ COMMA DELLA LEGGE 15 NOVEMBRE 1986 N. 768).
1. LE IMPRESE ISCRITTE NELL'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI SONO SOGGETTE ALLA REVISIONE DELLE ISCRIZIONI CONSEGUITE CON LE MODALITA' DI CUI AGLI ARTICOLI SEGUENTI.
2. IL COMITATO CENTRALE ED I COMITATI REGIONALI PER L'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI PROVVEDONO AD EFFETTUARE LA REVISIONE DELLE ISCRIZIONI NELL'AMBITO DEI LAVORI DI RISPETTIVA COMPETENZA.

ART. 18 - MODALITA' DI CALCOLO DELLA REVISIONE
1. PER EFFETTUARE LA REVISIONE DELLE ISCRIZIONI SI DEVE FARE RIFERIMENTO ALLA CIFRA DI AFFARI GLOBALE IN LAVORI DERIVANTI DA ATTIVITA' DIRETTA ED INDIRETTA DELLA IMPRESE, DI CUI AGLI ARTICOLI 4 E 5, RELATIVA AL QUINQUIENNIO ANTECEDENTE LA DATA DI REVISIONE.
2. L'AMMONTARE GLOBALE DELLE ATTIVITA' DI CUI AL PARAGRAFO PRECEDENTE DEVE ESSERE NON INFERIORE AL 40% DELLA SOMMA DEGLI IMPORTI DI ISCRIZIONE CONSEGUITI NELLE CATEGORIE DI CUI AL D.M. 25 FEBBRAIO 1982 N. 770.
3. PER EFFETUARE IL CALCOLO DELLE ISCRIZIONI DI CUI AL PRECEDENTE PARAGRAFO, ALLE ISCRIZIONI PER IMPORTO ILLIMITATO SI ATTRIBUISCE IL VALORE CONVENZIONALE DI CUI ALL'ART. 5 PUNTO B.
4. OCCORRE, ALTRESI' PRENDERE A RIFERIMENTO IL COSTO DEL PERSONALE DIPENDENTE RELATIVO AL QUINQUENNIO ANTECEDENTE AL DOMANDA, COMPOSTO DA RETRIBUZIONI DI STIPENDI, CONTRIBUTI SOCIALI ED ACCANTONAMENTI AI FINI DI QUIESCENZA, RELATIVO ALL'ATTIVITA' DELL'IMPRESA SIA DIRETTA SIA INDIRETTA, CHE DEVE ESSERE NON INFERIORE AL 10% DELLA CIFRA DI AFFARI GLOBALE DI CUI AL PRECEDENTE PARAGRAFO N. 2.
5. NEL CASO IN CUI IL RAPPORTO FRA IL COSTO DEL PERSONALE DIPENDENTI E LA CIFRA DI AFFARI GLOBALE ANZIDETTA SIA INFERIORE ALLA PERCENTUALE DI CUI AL PARAGRAFO PRECEDENTE. A CIFRA DI AFFARI GLOBALE STESSA DEVE ESSERE CONVENZIONALMENTE RIDOTTA IN MISURA PROPORZIONALE, IN MODO DA RISTABILIRE LA PERCENTUALE RICHIESTA.
6. ALLA DETERMINAZIONE DI TALE PERCENTUALE CONCORRERA', IN PROPORZIONE ALLE QUOTE DI COMPETENZA DELL'IMPRESA, ANCHE IL COSTO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DELLA SOCIETA' E CONSORZI DI CUI ALL'ART. 23/BIS DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977 N. 584. I CONSORZI POSSONO DIMOSTRARE IL REQUISITO RELATIVO RICHIESTO AL PRECEDENTE N. 4, ATTRAVERSO I VALORI RICAVATI DAI LIBRI PAGA O MATRICOLA O DAI BILANCI DELLE PROPRIE IMPRESE CONSORZIATE, CON DICHIARAZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DEL CONSORZIO, RESA NELLE FORME DI CUI AL PRECEDENTE ART.9 ANTESTANTE LA LORO CORRISPONDENTE ALLE RISULTANZE DEGLI ATI.

ART. 19 - EFFETTI DELLA REVISIONE.
1. NEL CASO DI CUI L'IMPRESA COMPROVI LE CONDIZIONI DI CUI ALL'ART.18 L'ISCRIZIONI NELL'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI, PER CATEGORIE ED IMPORTI CORRISPONDENTI CONSEGUITI, VERRA' CONFERMATA.
2. IN CASO CONTRARIO L'IMPRESA INDICHERA' IL MODO NON VINCOLANTE NELLA RELATIVA DOMANDA MOTIVANDOLA, IN QUALI CATEGORIE DI CUI AL D.M. 25 FEBBRAIO 1982 N.770 INTENDE RIDURRE GLI IMPORTI CORRISPONDENTI A CANCELLARE LE ISCRIZIONI IN MODO DA RIENTRARE NELLE CONDIZIONI GENERALI STABILITE.

ART. 2 - COMITATO CENTRALE: COMPETENZE
(ART.6 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N.57 COME SUCCESSIVAMENTE MODIFICATO;
ART. 20, 21 E 22 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N.57;
ART. 4 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N.57;
ART. 5 DELLA LEGGE 8 OTTOBRE 1984 N.687;
ART. 5 DELLA LEGGE 15 NOVEMBRE 1986 N.768;
1. IL COMITATO CENTRALE PER L'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI E' COMPETENTE A DELIBERA SULLE RICHIESTE D'ISCRIZIONE E/O DI MODIFICA DI ISCRIZIONE PER GLI IMPORTI SUPERIORI A L. 3 MILIARDI.
2. IL COMITATO CENTRALE INOLTRE DECIDE SUI RICORSI PROPOSTI AVVERSO LE DELIBERE ADOTTATE DAI COMITATI REGIONALI NONCHE' SUI RICORSI AVVERSO PROVVEDIMENTI DAL MEDESIMO ADOTTATI, PROPOSTI AL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI, CHE CON APPOSITO DECRETO ABBIA DISPOSTO IL RIESAME DELLE RICHIESTE OGGETTO DI GRAVAME.
3. RIENTRANO NELLE COMPETENZE DEL COMITATO CENTRALE L'AVVIO DELLA PROCEDURA DI COMUNICAZIONE DEGLI ADDEBITI E L'ADOZIONE DEI PROVVEDIMENTI DI SOSPENSIONE DELLA EFFICACIA E DELLA ISCRIZIONE E DI CANCELLAZIONE.
4. NEL CASO DEI LAVORI SPECIALI IL COMITATO CENTRALE VERIFICA LA MANCANZA DI SPECIFICA OD ANALOGA CATEGORIA DI ISCRIZIONE DI CUI AL D.M. 25 FEBBRAIO 1982 N.770 E COMUNICHI ALLE AMMINISTRAZIONI APPALTANTI CHE NE ABBIANO FATTO MOTIVA RICHIESTA, LE PROPRIE OSSERVAZIONI CIRCA LA POSSIBILITA' DI AMMETTERE ALLA GARA IMPRESE NON ISCRITTE ALL'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI.
5. IL COMITATO CENTRALE, INFINE, ADOTTA IL PROVVEDIMENTO DI ESCLUSIONE TEMPORANEA DALLA PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE IN PUBBLICI APPALTI E DICHIARA LA DECADENZA DELL'ISCRIZIONE PER INADEMPIMENTO ULTRABIENNALE DELL'OBBLIGO DI VERSAMENTO DELLA TASSA ANNUALE DI CONCESSIONE GOVERNATIVA.

ART. 20 - RIDUZIONI DI UFFICIO
NEL CASO L'IMPRESA ABBIA REALIZZATO NEL QUINQUENNIO ANTECEDENTE UN FATTURATO QUALE INDICATO NEGLI ARTT.4 E 5 INFERIORI ALL'IMPORTO DI CUI ALL'ART.1 DELLA LEGGE 15.11.1986 N. 768, LA RELATIVA ISCRIZIONE VIENE RIDOTTA D'UFFICIO ALL'IMPORTO DI CUI ALL'ART.1 DELLA LEGGE 15.11.1986 N. 768, LA RELATIVA ISCRIZIONE VIENE RIDOTTA DI UFFICIO ALL'IMPORTO ANZIDETTO, CON DELIBERA DELL'ORGANO COMPETENTE.

ART. 21 - PERIODICITA' DELLA REVISIONE
1. LA REVISIONE DELLE ISCRIZIONI SARA' EFFETTUATA A SCADENZA QUINQUENNALE, OVVERO IN OCCASIONE DI OGNI RICHIESTA DI AUMENTO DI IMPORTO O ESTENSIONE DI CATEGORIE OD ALTRA MODIFICA RIGUARDANTE L'IMPRESA ISCRITTA, CON CONSEGUENTE AGGIORNAMENTO DELLA DATA PER LA SUCCESSIVA REVISIONE.
2. NON SI PROCEDERA' ALLA REVISIONE NEI SOLI CASI DI RICHIESTE CONCERNENTI VARIAZIONI DELLA RAPPRESENTANZA LEGALE O DELLA DIREZIONE TECNICA CHE NON COMPORTI MODIFICA DELL'ISCRIZIONE NONCHE' DI VARIAZIONI DI DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE DELL'IMPRESA.

ART. 22 - DOCUMENTAZIONE PER LA REVISIONE
ALLA DOMANDA DI REVISIONE OCCORRE ALLEGARE LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE:
A) CERTIFICATO DI ISCRIZIONE ALLA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA;
B) CERTIFICATO DEL TRIBUNALE COMPETENTE, ANTESTANTE L'ASSENZA NEL QUINQUENNIO PRECEDENTE DI PROCEDURE CONCORSUALI;
C) DICHIARAZIONI IVA O BILANCI O RICLASSIFICAZIONE DEI BILANCI RESA NELLE FORME DI CUI ALL'ART.9 RELATIVI AL QUINQUENNIO ANTECEDENTE LA DOMANDA DI REVISIONE NECESSARI PER DIMOSTRARE LA CIFRA D'AFFARI GLOBALE IN LAVORI DI CUI ALL'ART.18;
D) CERTIFICATI DEL CASELLARIO GIUDIZIALE DELLA PROCURA DELLA REPUBBLICA E DELLA PRETURA COMPETENTI, NONCHE' IL CERTIFICATO DI RESIDENZA E STATO DI FAMIGLIA PER LA RAPPRESENTANZA LEGALE E LA DIREZIONE TECNICA DELL'IMPRESA;
E) LA DOCUMENTAZIONE INDICATA DALL'ART.4 N.5 LETT.A) O ALL'ART.5 N.5 LETT.A) E PER I CONSORZI, LA DOCUMENTAZIONE INDICATA ALL'ART.18 N.6, OVE OCCORRENTE PER L'ACCERTAMENTO DEL REQUISITO RICHIESTO AL PUNTO 4 DELL'ART.18.

ART. 23 - TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI REVISIONE
1. ENTRO IL TERMINE DI 18 MESI DECORRENTE DALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLAMENTO TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE DOVRANNO PRESENTARE LA DOMANDA DI DOCUMENTAZIONE RICHIESTA.
2. ALL'ATTO DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI PRESENTAZIONE ALL'UFFICIO COMPETENTE A RICEVERLA RILASCIERA' ALL'INTERESSATO APPOSITA RICEVUTA.
3. LA DOMANDA POTRA' ALTRESI' INOLTRATA A MEZZO PLICO RACCOMANDATO SENZA AVVISO DI RICEVIMENTO.
AI FINI DELLA TEMPESTIVITA' DELLA DOMANDA, LA DATA DI SPEDIZIONE VALE QUALE DATA DI PRESENTAZIONE.
4. LA REVISIONE SARA' EFFETTUATA CON RIFERIMENTO ALL'ORDINE CRONOLOGICO DI PRESENTAZIONE O DI RICEZIONE DELLA RELATIVA DOMANDA.

ART. 24 - MANCATA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA: CONSEGUENZE
1. NEL CASO IN CUI L'IMPRESA NON RICHIESTA ENTRO IL TERMINE STABILITO DAL PRECEDENTE ARTICOLO LA REVISIONE DELLA PROPRIA ISCRIZIONE VIENE SOSPESO IL RILASCIO DEI CERTIFICATI DI ISCRIZIONE NELL'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI.
2. DECORSO INUTILMENTE IL TERMINE DI MESI 18 DALLA SUDDETTA SCADENZA L'ISCRIZIONE VIENE RIDOTTA DI UFFICIO ALL'IMPORTO DI CUI ALL'ART.20, CON DELIBERA DELL'ORGANO COMPETENTE.

ART. 25 - RECUPERO DI ISCRIZIONE
1. E' AMMESSO IL RECUPERO TOTALE O PARZIALE DELL'ISCRIZIONE ALL'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI POSSEDUTA DA UN IMPRESA IN FAVORE DI ALTRA IMPRESA NELL'IPOTESI DI DECESSO DEL TITOLARE DI IMPRESA INDIVIDUALE, OVVERO PER EFFETTO DI ATTO DI FUSIONE DI CONFERIMENTO, DI CESSIONE DI COMPLESSO AZIENDALE, ANCHE IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA, SEMPRE CHE SUSSISTANO SPECIFICAMENTE I PRESUPPOSTI PREVISTI DALLE DISPOSIZIONI VIGENTI CHE IL COMPLESSO AZIENDALE DI CUI LE ISCRIZIONI SI RIFERISCONO MANTENGA AL MOMENTO DEL TRASFERIMENTO LE CAPACITA' OPERATIVE FINANZIARIE E TECNICHE E CHE DETTI REQUISITI VENGANO ACQUISITI DALL'IMPRESA RICHIEDENTE.,
2. IL RECUPERO DELL'ISCRIZIONE POTRA' ESSERE RICONOSCIUTO PREVIA REVISIONE, SULLA BASE DEI CRITERI DI CUI ALLA'ART.18 E SUCCESSIVI DEL PRESENTE REGOLAMENTO DELLE ISCRIZIONI POSSEDUTE E L'ACCERTAMENTO DELLE SEGUENTI CONDIZIONI:
- TRASFERIMENTO DEI MEZZI D'OPERA;
- TRASFERIMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE;
- TRASFERIMENTO DI EVENTUALI CONTRATTI IN CORSO;
- RICHIESTA DI CANCELLAZIONE DALL'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI DELL'IMPRESA CHE TRASFERISCE LE PROPRIE ISCRIZIONI.
3. SULLA RICHIESTA DI CANCELLAZIONE DELL'IMPRESA CHE TRASFERISCE LE PROPRIE ISCRIZIONI I COMITATI NELL'AMBITO DELLE PROPRIE COMPETENZE ASSUMONO APPOSITA DELIBERA CONTESTUALMENTE ALLA DECISIONE DELL'ISCRIZIONE DELLE CATEGORIE RICONOSCIUTE IN CAPO ALLA SOCIETA' RICHIEDENTE.

ART. 26 - NORME PROCEDURALI PER IL FUNZIONAMENTO PER GLI ORGANI DELIBERANTI DELL'ALBO NAZIONALE DEI COSTRUTTORI.
(ART.9 DELLA LEGGE 3.1.1978 N.1)
1. A CURA DELLE COMPETENTI SEGRETERIE, LE CONVOCAZIONI SONO RINVIATE AI SINGOLI COMPONENTI IL COMITATO, ALMENO DIECI GIORNI PRIMA DELLA DATA DELLA RIUNIONE UNITAMENTE ALL'ORDINE DEL GIORNO ED AI FASCICOLI RELATIVI AGLI ARGOMENTI DA RELAZIONARE.
2. L'ORDINE DEL GIORNO RELATIVO AGLI ARGOMENTI DA ESAMINARE IN OGNI SINGOLA RIUNIONE DEVE ESSERE FORMATO CON L'OSSERVANZA DALLE DATE DI ARRIVO NELLA SEDE COMPETENTE DEI RELATIVI FASCICOLI,COMPLETI DELLA DOCUMENTAZIONE DEI RITO,SALVO I CASI DI OBBIETTIVA URGENZA,PUNTUALMENTE MOTIVATI.
3. LA DOCUMENTAZIONE RELATIVA AGLI ARGOMENTI DA ESAMINARE DEVE ESSERE POSTA A DISPOSIZIONE DI TUTTI I COMPONENTI IL COMITATO CHE INTENDE PRENDERE VISIONE NEI 10 GIORNI PRECEDENTI ALLA DATA DI CONVOCAZIONE.
4. I RELATORI DESIGNATI DAL PRESIDENTE DEI COMITATI,DEBBONO DETTAGLIATAMENTE COMPILARE IN OGNI SUA PARTE, E SOTTOSCRIVERE IN MODO CHIARO E LEGGIBILE , IL FOGLIO DI RELAZIONE, DI CUI ALLEGATO N.2.
5. LE RIUNIONI DIE COMITATI SONO VALIDE CON LA PARTECIPAZIONE DI UN TERZO DEI COMPONENTI E LE DELIBERAZIONE SONO PRESE A MAGGIORANZA.

ART.27. - DISPOSIZIONI FINALI
1. RESTANO APPLICABILI TUTTE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE IN MATERIA DAL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI COMPATIBILI CON IL PRESENTE REGOLAMENTO.
2. LE DISPOSIZIONI CONTENUTE NEL PRESENTE REGOLAMENTO SI APPLICANO ALLE DOMANDE DI ISCRIZIONE E/O MODIFICHE D'ISCRIZIONE PRESENTATE DOPO LA SUA ENTRATA IN VIGORE.

ART. 28 - ENTRATA IN VIGORE
IL PRESENTE REGOLAMENTO - UNITAMENTE ALLE NORME ESPLICATIVE ALLA TABELLA DELLE CATEGORIE DI ISCRIZIONE ED AI QUATTRO ALLEGATI - VERRA PUBBLICATO SULLA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ED ENTRERA' IN VIGORE NEL DECIMOQUINTO GIORNO SUCCESSIVO A QUELLO DELLA SUA PUBBLICAZIONE.

ART. 3 - DETERMINAZIONE DELLA COMPETENZA DEGLI ORGANI DELIBERANTI.
(ART.4 DELLA LEGGE 15 NOVEMBRE 1986 N.768).
L'ORGANO COMPETENTE A DELIBERARE VIENE INDIVIDUATO A BASE ALL'IMPORTO DI ISCRIZIONE PIU' ELEVATO RICHIESTO O GIA' CONSEGUITO.

ART. 4 - REQUISITI PER L'ISCRIZIONE DI COMPETENZA DEI COMITATI REGIONALI.
1. OLTRE AL POSSESSO DEI REQUISITI DI CARATTERE GENERALE DI CUI ALLE DISPOSIZIONI VIGENTI DEVE ESSERE COMPROVATO, CON RIFERIMENTO ALLA DATA DELLA DOMANDA, IL POSSESSO DEI SEGUENTI CONCORRENTI REQUISITI.
2. CAPACITA' FINAZIARIA(ART. 14 N.2 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N.57 ART.17 LET.A) E LET.C DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977 N.584). DA DIMOSTRARSI CON:
A) IDONEE REFERENZE BANCARIE ;
L'INTERESSE INDICA NELLA PROPRIA ISTANZA GLI ISTITUTI DI CREDITO I QUALI POSSONO ESSERE RICHIESTE LE REFERENZE BANCARIE, OVVERO PUO' ALLEGARE ALLA ISTANZA TALI REFERENZE,IN BUSTA CHIUSA SIGILLATA;
B) CIFRA DI AFFARI GLOBALE IN LAVORI REALIZZATA NEL QUINQUENNIO ANTECEDENTE LA DATA DELLA DOMANDA, DERIVANTE DA ATTIVITA' DIRETTIVA ED INDIRETTA DEL RICHIEDENTE: L'IMPORTO COMPLESSIVO DELLA CIFRA D'AFFARI DEVE ESSERE INFERIORE ALLA SOMMA DEGLI IMPORTI DI ISCRIZIONE RICHIESTI NELLE VARIE CATEGORIE DI CUI AL D.M. 25 FEBBRAIO 1982 N.770.
IL COMPLESSO DELLE ISCRIZIONI POSSEDUTO O MODIFICATO DEVE REALIZZARE LE CONDIZIONI DI CUI AL SUCCESSIVO ART. 18.
C) LA CIFRA DI AFFARI IN LAVORI RELATIVI ALLA ATTIVITA' DIRETTA VIENE COMPROVATA CON LA PRODUZIONE :
- DELLE DICHIARAZIONI ANNUALI IVA DA PARTE DELLE DITTE INDIVIDUALI, SOCIETA' DI PERSONA, CONSORZI DI COOPERATIVE E CONSORZI TRA IMPRESE ARTIGIANE;
- DEI BILANCI CON NOTA DI DEPOSITO IN TRIBUNALE, DA PARTE DELLE SOCIETA' DI CAPITALI O DI ALTRI SOGGETTI TENUTI ALLA LORO PUBBLICAZIONE;
D) LA CIFRA DI AFFARI IN LAVORI DELLA ATTIVITA' INDIRETTA, IN PROPORZIONE ALLE QUOTE DI PARTECIPAZIONE DEL RICHIEDENTE VIENE COMPROVATA CON LA PRODUZIONE DEI BILANCI O RICLASSIFICAZIONE - AI SENSI DELLA LEGGE CHE LA PREVEDE - DEI BILANCI DELLA SOCIETA' DI CUI ALL'ART. 23 BIS DELLA LEGGE 8.8.1977 N. 584, E DEI CONSORZI DEI QUALI L'IMPRESA RICHIEDENTE FACCIA PARTE, NEL CASO IN CUI QUESTI ABBIANO FATTURATO DIRETTAMENTE AL COMMITTENTE E NON ABBIANO RICEVUTO FATTURE PER LAVORI ESEGUITI DA PARTE DI SOGGETTI CONSORZIATI.
3. IDONEITA' TECNICA.
(ART. 14 N.1 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N.57 ART.18 LETTERA B) DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977 N.584)
ESSA E' DIMOSTRATA DALLA ATTIVITA' SVOLTA DALL'IMPRESA NEL QUINQUENNIO ANTECEDENTE ALLA DATA DELLA DOMANDA DA VALUTARSI SULLA BASE:
A) DELL'IMPORTO COMPLESSIVO DEI LAVORI ESEGUITI IN OGNI SINGOLA CATEGORIA DI CUI AL D.M 25 FEBBRAIO 1982 N.770 OGGETTO DELLA RELATIVA ISTANZA CHE DEVE ESSERE NON INFERIORE ALL'IMPORTO DI ISCRIZIONE RICHIESTO IN CIASCUNA DI ESSE;
B) DEL SINGOLO IMPORTO UNITARIO CHE DEVE ESSERE NON INFERIORE AD UN TERZO DELL'IMPORTO D'ISCRIZIONE RICHIESTO;
OVVERO IN ALTERNATIVA:
- DI DUE LAVORI DI IMPORTO COMPLESSIVO PARI AL 50% DELL'IMPORTO DI ISCRIZIONE RICHIESTO;
- DI TRE LAVORI IMPORTO COMPLESSIVO PARI AD ALMENO IL 60% DELL'IMPORTO DI ISCRIZIONE RICHIESTO.
4. ATTREZZATURA TECNICA
(ART.14 N.3 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N.57 ART.18 LETTERA C) DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977 N.584).
ESSA CONSISTE DOTAZIONE MINIMA STABILE E/O NELLA DISPONIBILITA' DI ATTREZZATURE MEZZI D'OPERA DI EQUIPAGGIAMENTO TECNICO DEI QUALI DEBBONO ESSER FORNITE LE OPPORTUNE INDICAZIONE PER EVENTUALI CONTROLLI RITENUTI NECESSARI.
LA RELATIVA DICHIARAZIONE DEVE ESSER RESA NELLA FORME DI CUI AL SUCCESSIVO ART 9.
5. ORGANICO MEDIO ANNUO (ART.18 LETTERA D) DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977 N.584).
DA COMPROVARE RELATIVAMENTE AL QUINQUENNIO ANTECEDENTE LA DATA DELLA DOMANDA CON LA PRODUZIONE.
A) DEI LIBRI PAGA E DEI LIBRI MATRICOLA OPPURE DEI BILANCI DAI QUALI RISULTI UN COSTO COMPLESSIVO PER IL PERSONALE DIPENDENTE COMPOSTO DA RETRIBUZIONE E STIPENDI CONTRIBUTI SOCIALI E ACCANTONAMENTI AI FONDI DI QUIESCENZA NON INFERIORE AL 10% DELLA CIFRA DI AFFARI GLOBALE DI CUI AL PUNTO N.2 LETTERA B).
PER LE IMPRESE INDIVIDUALI E LE SOCIETA' DI PERSONA IL VALORE DELLA RETRIBUZIONE CONVENZIONALE DETERMINATA AI FINI DELLA CONTRIBUZIONE INAIL.
ALLA DETERMINAZIONE DI TALE PERCENTUALE CONCORRERA' IN PROPORZIONE ALLE QUOTE DI PROPRIA COMPETENZA,ANCHE IL COSTO PER IL PERSONALE DI DIPENDENTE DELLE SOCIETA' E CONSORZI DI CUI AL PUNTO N.2 LETT.D);
B) DI UNA DICHIARAZIONE IN ORDINE ALLA CONSISTENZA DELL'ORGANICO MEDIO ANNUO, DISTINTO NELLE VARIE QUALIFICHE RESA NELLA FORME DI CUI AL SUCCESSIVO ART.9;
C) I CONSORZI POSSONO DIMOSTRARE IL REQUISITO RELATIVO ALL'ORGANICO MEDIO ANNUO ATTRAVERSO I VALORI RICAVATI DAI LIBRI PAGA O MATRICOLA O DAI BILANCI DELLE PROPRIE IMPRESE CONSORZIATE; I PREDETTI VALORI VANNO ELENCATI IN UNA DICHIARAZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DEL CONSORZIO RESA NELLE FORME DI CUI AL SUCCESSIVO ART. 9, ATTESTANTE LA LORO CORRISPONDENZA ALLE RISULTANZE DEGLI ATTI.
6. LIMITATAMENTE ALLE ISCRIZIONI O MODIFICHE DI ISCRIZIONI FINO ALL'IMPORTO DI L. 1,5 MILIARDI, NON SONO RICHIESTI I REQUISITI RELATIVI ALLA CIFRA DI AFFARI ED ALL'ORGANICO MEDIO ANNUO DI CUI AI PUNTI N. 2 LETTERA B) E N. 5.
7. FINO ALL'IMPORTO DI L. 1,5 MILIARDI LA IDONEITA' TECNICA PUO' ESSERE COMPROVATA ANCHE CON I LAVORI DIRETTI DAL DIRETTORE TECNICO PER CONTO DI ALTRE IMPRESE ESECUTRICI.

ART. 5 - REQUISITI PER LE ISCRIZIONI DI COMPETENZA DEL COMITATO CENTRALE
A) ISCRIZIONE NEGLI IMPORTI SUPERIORI A L. 3 MILIARDI E SINO A L. 15 MILIARDI
1. OLTRE IL POSSESSO DEI REQUISITI DI CARATTERE GENERALE DI CUI ALLE DISPOSIZIONI VIGENTI, DEVE ESSERE COMPROVATO, CON RIFERIMENTO ALLA DATA DELLA DOMANDA, IL POSSESSO DEI SEGUENTI CONCORRENTI REQUISITI:
2. CAPACITA' FINANZIARIA (ART. 14 N. 2 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N. 57; ART. 17 LETTERA A) E LETTERA C) DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977 N. 584).
DA DIMOSTRARSI CON:
A) IDONEE REFERENZE BANCARIE; L'INTERESSATO INDICA NELLA PROPRIA ISTANZA GLI ISTITUTI DI CREDITO PRESSO I QUALI POSSONO ESSERE CHIESTE LE REFERENZE BANCARIE, OVVERO PUO' ALLEGARE ALLA ISTANZA TALI REFERENZE, IN BUSTA CHIUSA SIGILLATA;
B) CIFRA DI AFFARI GLOBALI IN LAVORI REALIZZATA NEL QUINQUENNIO ANTENCEDENTE LA DATA DELLA DOMANDA, DERIVANTE DA ATTIVITA' DIRETTA ED INDIRETTA DEL RICHIEDENTE: L'IMPORTO COMPLESSIVO DELLA CIFRA DI AFFARI DEVE ESSERE NON INFERIORE ALLA SOMMA DEGLI IMPORTI DI ISCRIZIONE RICHIESTI NELLE VARIE CATEGORIE DI CUI AL D.M. 25 FEBBRAIO 1982 N. 770.
IL COMPLESSO DELLE ISCRIZIONI POSSEDUTE O MODIFICATE DEVE REALIZZARE LE CONDIZIONI DI CUI AL SUCCESSIVO ARTICOLO 18.
C) LA CIFRA DI AFFARI IN LAVORI RELATIVA ALLA ATTIVITA' DIRETTA VIENE COMPROVATA CON LA PRODUZIONE:
- DELLE DICHIARAZIONI ANNUALI IVA DA PARTE DELLE DITTE INDIVIDUALI, SOCIETA' DI PERSONE, CONSORZI DI COOPERATIVE E CONSORZI TRA IMPRESE ARTIGIANE;
- DEI BILANCI, CON NOTA DI DEPOSITO IN TRIBUNALE, DA PARTE DELLE SOCIETA' DI CAPITALI O DI ALTRI SOGGETTI TENUTI ALLA LORO PUBBLICAZIONE;
D) LA CIFRA DI AFFARI IN LAVORI DELLA ATTIVITA' INDIRETTA, IN PROPORZIONE ALLE QUOTE DI PARTECIPAZIONE DEL RICHIEDENTE VIENE COMPROVATA CON LA PRODUZIONE DEI BILANCI O RICLASSIFICAZIONE - AI SENSI DELLA LEGGE CHE LA PREVEDE - DEI BILANCI DELLE SOCIETA' DI CUI ALL'ART. 23-BIS DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977 N. 584, E DEI CONSORZI DEI QUALI L'IMPRESA RICHIEDENTE FACCIA PARTE, NEL CASO IN CUI QUESTI ABBIANO FATTURATO DIRETTAMENTE AL COMMITTENTE E NON ABBIANO RICEVUTO FATTURE PER LAVORI ESEGUITI DEI SOGGETTI CONSORZIATI.
3. IDONEITA' TECNICA (ART. 14 N. 1 LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N. 57; ART. 18 LETT. B DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977 N. 584).
ESSA E' DIMOSTRATA DALLA ATTIVITA' SVOLTA DALL'IMPRESA NEL QUINQUENNIO ANTECEDENTE LA DATA DELLA DOMANDA, DA VALUTARSI SULLA BASE:
A) DELL'IMPORTO COMPLESSIVO DEI LAVORI ESEGUITI IN OGNI SINGOLA CATEGORIA DI CUI AL D.M. 25 FEBBRAIO 1982 N. 770, OGGETTO DELLA RELATIVA ISTANZA, CHE DEVE ESSERE NON INFERIORE ALL'IMPORTO DI ISCRIZIONE RICHIESTO IN CIASCUNA DI ESSE;
B) DEL SINGOLO IMPORTO UNITARIO CHE DEVE ESSERE NON INFERIORE AD UN TERZO DELL'IMPORTO DI ISCRIZIONE RICHIESTO; OVVERO IN ALTERNATIVA:
- DI DUE LAVORI DI IMPORTO COMPLESSIVO PARI AD ALMENO IL 50% DELL'IMPORTO DI ISCRIZIONE RICHIESTO;
- DI TRE LAVORI DI IMPORTO COMPLESSIVO PARI AD ALMENO IL 60% DELL'IMPORTO DI ISCRIZIONE RICHIESTO.
4. ATTREZZATURE TECNICA (ART. 14 N. 3 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N. 57; ART. 18 LETTERA C) DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977 N. 584).
ESSA CONSISTE NELLA DOTAZIONE MINIMA STABILE E/O NELLA DISPONIBILITA' DI ATTREZZATURE, MEZZI D'OPERA ED EQUIPAGGIAMENTI TECNICI, DEI QUALI DEBBONO ESSERE FORNITE LE OPPORTUNE INDICAZIONI PER GLI EVENTUALI CONTROLLI RITENUTI NECESSARI LA RELATIVA DICHIARAZIONE DEVE ESSERE RESA NELLE FORME DI CUI AL SUCCESSIVO ART. 9.
5. ORGANICO MEDIO ANNUO (ART. 18 LETTERA D) DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977 N. 584) DA COMPROVARE RELATIVAMENTE AL QUINQUENNIO ANTECEDENTE LA DATA DELLA DOMANDA, CON LA PRODUZIONE:
A) DEI LIBRI PAGA E DEI LIBRI MATRICOLA OPPURE DEI BILANCI, DAI QUALI RISULTI UN COSTO COMPLESSIVO PER IL PERSONALE DIPENDENTE, COMPOSTO DA RETRIBUZIONI E STIPENDI, CONTRIBUTI SOCIALI E ACCANTONAMENTI AI FONDI DI QUIESCENZA, NON INFERIORE AL 10% DELLA CIFRA DI AFFARI GLOBALI DI CUI AL PUNTO N. 2 LETTERA B). PER LE IMPRESE INDIVIDUALI E LE SOCIETA' DI PERSONE, IL VALORE DELLA RETRIBUZIONE DEL TITOLARE O DEI SOCI DEVE ESSERE PARI A CINQUE VOLTE IL VALORE DELLA RETRIBUZIONE CONVENZIONALE DETERMINATA AI FINI DELLA CONTRIBUZIONE INAIL.
ALLA DETERMINAZIONE DI TALE PERCENTUALE CONCORRERA, IN PROPORZIONE ALLE QUOTE DI COMPETENZA DELL'IMPRESA, ANCHE IL COSTO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DELLE SOCIETA' E CONSORZI DI CUI AL PUNTO N. 2 LETTERA D);
B) DI UNA DICHIARAZIONE IN ORDINE ALLA CONSISTENZA DELL'ORGANICO MEDIO ANNUO DISTINTO NELLE VARIE QUALIFICHE, RESA NELLE FORME DI CUI AL SUCCESSIVO ART. 9;
C) I CONSORZI POSSONO DIMOSTRARE IL REQUISITO RELATIVO ALL'ORGANICO MEDIO ANNUO ATTRAVERSO I VALORI RICAVATI DAI LIBRI PAGA O MATRICOLA O DAI BILANCI DELLE PROPRIE IMPRESE CONSORZIATE.
I PREDETTI LAVORI VANNO ELENCATI IN UNA DICHIARAZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DEL CONSORZIO RESA NELLE FORME DI CUI AL SUCCESSIVO ART. 9, ATTESTANTE LA LORO CORRISPONDENZA ALLE RISULTANTE DEGLI ATTI.
B) ISCRIZIONI NELL'IMPORTO ILLIMITATO PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE CONVENZIONALE DA ASSEGNARE ALL'IMPORTO ILLIMITATO, AI FINI DEGLI ACCERTAMENTI DI CUI AL PARAGRAFO A PUNTO 1 DEL PRESENTE ARTICOLO SI DEVE FARE RIFERIMENTO AL VALORE DELLA CLASSE DI ISCRIZIONE CHE PRECEDE L'AUMENTO DEL 60%. OLTRE A QUANTO DISPOSTO NEL PRECEDENTE PARAGRAFO A)
AI PUNTI N.4 E N.5 PER LE ISCRIZIONI NELL'IMPORTO ILLIMITATO DEVE ESSERE COMPROVATO IL POSSESSO DEI SEGUENTI CONCORRENTI REQUISITI:
1. CAPACITA' FINANZIARIA
ART.14 N.2 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N.57; ART.17 LETTERA A) E LETTERA C) DELL'8 AGOSTO 1977 N. 584).
DA DIMOSTRARSI CON:
A) IDONEE REFERENZE BANCARIE:
L'INTERESSATO INDICA NELLA PROPRIA ISTANZA GLI ISTITUTI DI CREDITO PRESSO I QUALI POSSONO ESSERE CHIESTE LE REFERENZE BANCARIE, OVVERO PUO' ALLEGARE ALLA ISTANZA TALI REFERENZE, IN BUSTA CHIUSA SIGILLATA;
B) CIFRA D'AFFARI GLOBALE IN LAVORI REALIZZATA NEL QUINQUENNIO ANTECEDENTE LA DATA DELLA DOMANDA DERIVANTE DA ATTIVITA' DIRETTA ED INDIRETTA DEL RICHIEDENTE:
L'IMPORTO COMPLESSIVO DELLA CIFRA DI AFFARI DEVE ESSERE NON INFERIORE ALLA SOMMA DEGLI IMPORTI DI ISCRIZIONE RICHIESTI NELLE VARIE CATEGORIE DI CUI AL D.M. 25 FEBBRAIO 1982 N.770.
IL COMPLESSO DELLE ISCRIZIONI POSSEDUTE O MODIFICATE DEVE REALIZZARE LE CONDIZIONI DI CUI AL SUCCESSIVO ARTICOLO 18.
C) LA CIFRA DI AFFARI GLOBALE IN LAVORI RELATIVA ALLA ATTIVITA' DIRETTA VIENE COMPROVATA CON LA PRODUZIONE:
- DI DICHIARAZIONE ANNUALI IVA DA PARTE DELLE DITTE INDIVIDUALI, SOCIETA' DI PERSONE CONSORZI DI COOPERATIVE E CONSORZI TRA IMPRESE ARTIGIANE;RA DEI BILANCI CON NOTA DEPOSITO IN TRIBUNALE DA PARTE DELLE SOCIETA' DI CAPITALI O DI ALTRI SOGGETTI TENUTI ALLA LORO PUBBLICAZIONE;
D) LA CIFRA DI AFFARI IN LAVORI DELLA ATTIVITA' INDIRETTA IN PROPORZIONE ALLE QUOTE DI PARTECIPAZIONE DEL RICHIEDENTE VIENE COMPROVATA CON LA PRODUZIONE DEI BILANCI O RICLASSIFICAZIONI - AI SENSI DELLA LEGGE CHE LA PREVEDE - DEI BILANCI DELLE SOCIETA' DI CUI ALL'ART.23-BIS DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977 N.584 E DEI CONSORZI DEI QUALI L'IMPRESA RICHIEDENTE FACCIA PARTE NEL CASO QUESTI ABBIANO FATTURATO DIRETTAMENTE AL COMMITTENTE E NON ABBIANO RICEVUTO FATTURE PER LAVORI ESEGUITI DA PARTE DEI CONSORZIATI.
2. IDONEITA' TECNICA
ART.14 N.1 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N. 57 ART.18 LETTERA B) DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977 N.584).
ESSA E' DIMOSTRATA DALLA ATTIVITA' SVOLTA DALL'IMPRESA NEL QUINQUENNIO ANTECEDENTE LA DATA DELLA DOMANDA DA VALUTARSI SULLA BASE:
A) DELL'IMPORTO GLOBALE MINIMO DEI LAVORI ESEGUITI CHE DEVE ESSERE NON INFERIORE AL 50% DEL VALORE CONVENZIONALE ASSEGNATO ALL'IMPORTO ILLIMITATO DI CUI AL PRIMO COMMA DEL PARAGRAFO B) MOLTIPLICATO PER CINQUE;
B) DELL'IMPORTO COMPLESSIVO DEI LAVORI ESEGUITI NELLA SPECIFICA CATEGORIA DI CUI AL D.M. 25 FEBBRAIO 1982 N.770 OGGETTO DI RICHIESTA DI ISCRIZIONE PER IMPORTO ILLIMITATO, CHE DEVE ESSERE NON INFERIORE AL 50% DELL'IMPORTO GLOBALE COME DETERMINATO ALLA PRECEDENTE LETTERA A);
C) DELL'IMPORTO DI UN SINGOLO LAVORO CHE DEVE ESSERE NON INFERIORE AL 40% DELL'IMPORTO DI CUI ALLA PRECEDENTE LETTERA B); IN ALTERNATIVA DELL'IMPORTO DI DUE LAVORO LA CUI SOMMA DEVE RISULTARE NON INFERIORE AL 60% DELL'IMPORTO DI CUI ALLA PRECEDENTE LETTERA B).

ART.6 - COMPOSIZIONE DELL'IMPORTO UNITARIO
L'IMPORTO UNITARIO COMPLESSIVO DEL SINGOLO LAVORO DI CUI AI PRECEDENTI ARTICOLI 4 E 5 E' COSTITUITO DALLA SOMMA:
- DELL'IMPORTO CONTABILIZZATO AL NETTO DEL RIBASSO D'ASTA DEL RELATIVO IMPORTO PER REVISIONI PREZZI 

ART.7 - RIVALUTAZIONE DELL'IMPORTO DEI LAVORI ESEGUITI
1. E' CONSENTITO RIVALUTARE GLI IMPORTI DEI LAVORI ULTIMATI DOPO L'ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLAMENTO RELATIVI A TUTTE LE CATEGORIE DI CUI AL D.M. 25 FEBBRAIO 1982 N. 770. SULLA BASE DELLE VARIAZIONI ACCERTATE DALL'ISTAT RELATIVE AL COSTO DI COSTRUZIONE DI UN EDIFICIO RESIDENZIALE INTERVENUTE FRA LA DATA DI ULTIMAZIONE DEI LAVORI E LA DATA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA ALL'ORGANO COMPETENTE.
2. L'IMPORTO DI CIASCUN LAVORO PUO' ESSERE RIVALUTATO UNA SOLA VOLTA.

ART.8 - DETERMINAZIONE DEL PERIODO DI ATTIVITA' DOCUMENTABILE
(ART.14 DELLA LEGGE 10 FEBBRAIO 1962 N.57 ART.18 LETTERA B) DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1977 N.584).
1. IL PERIODO DI ATTIVITA' DI PRENDERE IN ESAME E' QUELLO CORRISPONDENTE AL QUINQUENNIO ANTECEDENTE LA DATA DELLA DOMANDA DEL PROVVEDIMENTO DI ISCRIZIONE O MODIFICHE DI ISCRIZIONE.
2. I LAVORI DA VALUTARE SONO QUELLI INIZIATI ED ULTIMATI NEL PERIODO DI CUI AL PRECEDENTE PARAGRAFO OVVERO LA PARTE DI ESSI ULTIMATA NEL QUINQUENNIO PER IL CASO DI LAVORI INIZIATI IN EPOCA PRECEDENTE, NONCHE' LA SOLA PARTE ESEGUITA NEL CASO DI LAVORI IN CORSO DI ESECUZIONE ALLA DATA DELLA DOMANDA.
POSSONO ESSERE CONSIDERATI I LAVORI GIA' UTILIZZATI PER ISTANZA PRECEDENTI PURCHE' SI TRATTI DI LAVORI RIENTRANTI NEL QUINQUENNIO ANTECEDENTE LA DATA DELLA DOMANDA.
3. PER IL CASO DI LAVORI INIZIATI PRIMA DEL QUINQUENNIO VERRA' STRALCIATO L'IMPORTO RELATIVO AL PERIODO ANTERIORE UN AVANZAMENTO LINEARE DEGLI STESSI.
4. I RELATIVI CERTIFICATI DOVRANNO CONTENERE LA ESPRESSA DICHIARAZIONE CHE I LAVORI ESEGUITI SONO STATI REALIZZATI REGOLARMENTE E CON BUON ESITO ; SE HANNO DATO LUOGO A VERTENZE IN SEDE ARBITRALE O GIUDIZIARIA,DOVRA' ESSERE INDICATO IL LORO ESITO.

ART.9 - MODALITA' DI PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE
1. LE DICHIARAZIONE IVA, I BILANCI CON RELATIVA NOTA DI DEPOSITO IN TRIBUNALE , I LIBRI PAGA O I LIBRI MATRICOLA DI CUI AGLI ART. 4 E 5 DEBBONO ESSERE PRODOTTI IN ORIGINALE OPPURE IN COPIA AUTENTICATA AI SENSI DELLA LEGGE 4 GENNAIO 1968 N.15 COME SUCCESSIVAMENTE MODIFICATA.
2. LE RICLASSIFICAZIONE DEI BILANCI REDATTA SECONDO LE SCHEMA DI CUI ALLEGATO N.4 DEVONO ESSERE CORREDATE DA UNA DICHIARAZIONE CON SOTTOSCRIZIONE AUTENTICATA AI SENSI DELLA LEGGE 4 GENNAIO 1968 N.15 COME SUCCESSIVAMENTE MODIFICATA.
2. LE RICLASSIFICAZIONE DEI BILANCI REDATTA SECONDO LO SCHEMA DI CUI ALL'ALLEGATO N.4 DEVONO ESSERE CORREDATE DA UNA DICHIARAZIONE CON SOTTOSCRIZIONE AUTENTICATA RESA DAL PRESIDENTE DEL COLLEGIO SINDACALE, OVVERO IN MANCANZA DI TALE ORGANO DAL LEGALE RAPPRESENTATE DELL'IMPRESA ATTESTANTE LA LORO CORRISPONDENZA ALLE RISULTANZE DEI BILANCI.
3. LE DICHIARAZIONI RELATIVE ALLE ATTREZZATURE MEZZI D'OPERA ED EQUIPAGGIAMENTO TECNICO ALL'ORGANICO MEDIO ANNUO DI CUI AGLI ART. 4 E 5 NONCHE' LE ALTRE DICHIARAZIONE NECESSARIE DEBBONO ESSERE RESE DAL TITOLARE DELLE IMPRESE INDIVIDUALI O DAL RAPPRESENTANTE LEGALE DELLA SOCIETA' CON SOTTOSCRIZIONE AUTENTICATA AI SENSI DELLA LEGGE 4 GENNAIO 1968 N.15 COME SUCCESSIVE MODIFICATA.
4. I CERTIFICATI ATTESTANTI LA ESECUZIONE DEI LAVORI DA PRODURRE PER COMPROVARE LA IDONEITA' TECNICA DI CUI AGLI ART. 4,5,8 E 13 DEBBONO ESSERE REDATTI IN CONFORMITA' ALLO SCHEMA DI CUI ALL'ALLEGATO N.1 ESSI DEBBONO ESSERE PRESENTATA IN COPIA AUTENTICA, AI SENSI DELLA LEGGE 4 GENNAIO 1968 N.15 COME SUCCESSIVAMENTE MODIFICATA.
5. I CERTIFICANTI ATTESTANTI LA ESECUZIONE DEI LAVORI PRESENTATI A CORREDO DELLA RELATIVA RICHIESTA DEBBONO RIMANERE AGLI ATTI DELLA SEGRETERIA DEL COMITATO COMPETENTE.

CATEGORIA 10A
ACQUEDOTTI, FOGNATURE, IMPIANTI DI IRRIGAZIONE.
******
DEVE TRATTASI DELLE COSTRUZIONI DELLE OPERE INDICATE.

CATEGORIA 10B
LAVORI DI DIFESA E DI SISTEMAZIONE IDRAULICA.
******
COMPRENDONO: LAVORI DI DIFESA, SISTEMAZIONE E REGIMAZIONE IDRAULICA DI FIUMI E CORSI D'ACQUA INTERNI, COSTRUZIONE E RIVESTIMENTI DI ARGINI INTERNI, PORTI FLUVIALI E LACUALI, CONCHE DI NAVIGAZIONE, IDROVIE, CANALI INTERNI, SISTEMAZIONE DI FOCI DI FIUMI NON RICADENTI NEL DEMANIO MARITTIMO, OPERE DI DIAFRAMMATURA SISTEMI ARGINALI, OPERE DI CONSOLIDAMENTO STRUTTURE D'ALVEO, OPERE COSTRUZIONI BACINI DI ESPANSIONE ( CASSE), TRAVERSE PER DEVIAZIONI.

CATEGORIA 10C
GASDOTTI - OLEODOTTI.
******
DEVE TRATTARSI DELLE COSTRUZIONI DELLE OPERE INDICATE.

CATEGORIA 12A
IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO DI POTABILIZZAZIONE DI DEPURAZIONI DELLE ACQUE.
******
DEVE TRATTARSI DELLE COSTRUZIONE DI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO, DI POTABILIZZAZIONE, DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE, COMPRENDENTI SIA LA PARTE EDILIZIA SIA QUELLA ELETTROMECCANICA.

CATEGORIA 12B
IMPIANTI DI TRATTAMENTO DI RIFIUTI.
DEVE TRATTASI DELLE COSTRUZIONE DI IMPIANTI DI TRATTAMENTI DI RIFIUTI.
DEVE INTENDERSI LA COSTRUZIONE COMPLETA DI UN IMPIANTO, COMPRENDENTE SIA LE OPERE EDILI SIA GLI IMPIANTI TECNOLOGICI .

CATEGORIA 13B
LAVORI DI DRAGAGGIO.
******
COMPRENDE LA REALIZZAZIONE DI:
DRAGAGGIO, ESCUAZIONI ROCCIOSE,DEMOLIZIONI SUBACQUE,FORMAZIONI DI RILEVATI E BANCHETTONI DI FONDAZIONE SUBACQUEI, IN MARE, IN LAGUNA, LAGHI E STAGNI,RIPASCIAMENTO DI SPIAGGE,DISABBIAMENTO LAGHI ARTIFICIALI.

CATEGORIA 14
DIGHE.
******
DEVE TRATTARSI DELLA COSTRUZIONE DI DIGHE LOCAZIONE IN CORSO D'ACQUA E BACINI INTERNI, COMPRENDENTI SIA DIGHE IN CEMENTO ARMATO.

CATEGORIA 15
******
DEVE TRATTARSI DELLE COSTRUZIONI DI GALLERIA NATURALI.

CATEGORIA 16A - B - C - D - E - F - G - H - I - L - M
IMPIANTI PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE ENERGIA.
******
PER ISCRIZIONE OCCORRE DIMOSTRARE:
- ESECUZIONE DIRETTA DEGLI IMPIANTI;
- PERSONALE DIPENDENTE SPECIALIZZATO ISCRITTO NEI LIBRI PAGA DAI QUALI RISULTI L'APPLICAZIONE DEL VIGENTE CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO DELLA CATEGORIA;
- SPECIFICHE ATTREZZATURE PER LE LAVORAZIONI PREVISTE IN OGNI SINGOLA VOCE. COMPRENDE SOLTANTO ATTIVITA' DI FORNITURA E POSA IN OPERA DI APPARECCHIATURE PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI ENERGIA.

CATEGORIA 17
CARPENTERIA METALLICA.
******
E' NECESSARI DIMOSTRARE LA DOTAZIONE ALMENO DI UNA OFFICINA ATTREZZATA PER ADATTARE GLI ELEMENTI IN CARPENTERIA METALLICA DA ASSEMBLARE E MONTARE ALLE ESIGENZE DELLE COSTRUZIONI DA REALIZZARE.

CATEGORIA 18
IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONI.
******
CONSISTONO NELLA FORNITURA E POSA IN OPERA DI:
- IMPIANTI DI COMMUTAZIONE PER RETI PUBBLICHE DI TELECOMUNICAZIONE PER TELEFONIA, TELEX E DATI;
- IMPIANTI DI TRASMISSIONI DI RETI PUBBLICHE DI TELECOMUNICAZIONI PER TELEFONIA TELEX, DATI VIDEO SU CAVI IN RAME, SU MEZZI RADIOELETTRICI, SU SATELLITI;
- IMPIANTI DI TRASMISSIONE PER RETI PUBBLICHE DI TELECOMUNICAZIONI PER TELEFONIA, TELEX, DATI E VIDEO SU CAVI DI FIBRA OTTICA;
- IMPIANTI DI RETE LOCALE E INTERURBANA SU CAVI IN RAME;
- IMPIANTI DI RETE LOCALE E INTERURBANA SU CAVI DI FIBRA OTTICA;
- TERMINALI PER TELEFONIA, TELEX E DATI;
- IMPIANTI DI COMUNICAZIONE E TRASMISSIONE SU CAVI E MEZZI RADIOELETTRICI PER RETI PRIVATE DI TELECOMUNICAZIONE PER TELEFONIA, DATI E VIDEO.

CATEGORIA 19
LAVORI ED OPERE SPECIALI VARI

CATEGORIA 19A
RILEVAMENTI TOPOGRAFICI SPECIALI.
******
COMPRENDE I LAVORI DI RILIEVO TOPOGRAFICO NON OCCORRENTI RICHIEDENTI MEZZI E MAGISTERO CHE TRASCENDONO LA NORMALE PRATICA DEI CANTIERI.

CATEGORIA 19B
ESPORTAZIONE DEL SOTTOSUOLO CON MEZZI SPECIALI.
******
RIGUARDA LE INDAGINI GEOAGNOSTICHE ( IN TERRENI LAPIDEI E SCIOLTI), EFFETTUATE ATTRAVERSO TEREBRAZIONI DI VARIO DIAMETRO, E SALUTARIAMENTE CON SCAVO DI POZZI E CUNICOLI. L'INDAGINE COMPORTA, NELLA SUA ESPRESSIONE PIU' GENERALE:
- IL RECUPERO DEI TESTIMONI, ANCHE INDISTURBATI E CONTINUI;
- LA MISURA DIRETTA O INDIRETTA DI GRANDEZZE GEOMETRICHE E FISICHE SIGNIFICATIVE IN FASE SIA STATICA CHE DINAMICA;
- L'ESECUZIONE DI PROVE IN SITO MECCANICHE, IDRAULICHE, TERMICHE, GEOFISICHE, GEOSISMICHE;
- LA REGISTRAZIONE DEI DATI TRATTI DALLE MISURE E DALLE PROVE, ATTRAVERSO RESTITUZIONE DISCRETA O IN CONTINUO SOTTO FORMA GRAFICA, FOTOGRAFICA, TELEVISIVA;
- LA RELAZIONE ANALITICA DELLO SVOLGIMENTO DELLA CAMPAGNA DI INDAGINI E DELLE TECNOLOGIE IMPIEGATE,INSIEME CON LA DOCUMENTAZIONE RAGIONATA DEI RISULTATI.

CATEGORIA 19C
FONDAZIONI SPECIALI.
******
TRATTASI DI OPERE DESTINATE A TRASFERIRE I CARICHI DI INFRASTRUTTURE E MANUFATTI POGGIANTI SU TERRENI NON IDONEI A REGGERE I CARICHI STESSI, A STRATI DI TERRENO PIU' PROFONDI E RESISTENTI, QUALI:
- I MICROPALI SPECIALI;
- I PALI;
- DIAFRAMMI;
- GLI ANCORAGGI;

CATEGORIA 19D
CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E OPERE SPECIALI DEL SOTTOSUOLO.
******
TRATTASI DI OPERE DESTINATE A CONFERIRE AI TERRENI CARATTERISTICHE DI RESISTENZA E DI INDEFORMABILITA' TALE DA RENDERSI STABILE L'IMPOSTA DI MANUFATTI E DI INFRASTRUTTURE, O TALI DA REALIZZARE LA PREVENZIONE O IL RECUPERO DI DISSESTI GEOLOGICI ( A GRANDE E A PICCOLA SCALA), QUALI:
- LE INIEZIONI DI MALTE O PRODOTTI CONSOLIDATI DIVERSI,INTRODOTTI NEL TERRENO A BASSA, ALTA E ALTISSIMA PRESSIONE PER TRATTAMENTI DI IMPRECAZIONE O FORMAZIONE DI STRUTTURE COLONNARI;
- I SISTEMI DI DRENI PROFONDI ( DA VERTICALI E SUBORIZZONTALI) E I TALI DIAFRAMMI DRENATI;
- GLI ABBASSAMENTI DI FALDA PER PUNTI;
- IL CONGELAMENTO ( PER OPERE PROVVISIONALI);
- LA VIBROFLOTTAZIONE;
- GLI ANCORAGGI APPLICATI A MURI E CONTRAFFORTI;
- GLI INFILAGGI;
- I POZZI STRUTTURALI;
- GLI INTERVENTI DI RIPRESA E DI RIEQUILIBRIO STATICO DI EDIFICI E MANUFATTI DISSESTATI PER EFFETTO DI IMPORTANTI CEDIMENTI.

CATEGORIA 19E
IMPERMEABILIZZAZIONE DEI TERRENI.
******
TRATTASI DI LAVORI DI FORMAZIONE NEL TERRENO DI STRUTTURE CAPACI DI RIDURRE STABILE LA PERMEABILTA' DEL TERRENO STESSO, QUALI:
- DIAFRAMMI CONTINUI E MONIPOLICI ( DIAFRAMMI E PENNELLI, A PALI ACCOSTATI, A PALI SECANTI DI CALCESTRUZZO NORMALE O PLASTICO, DI MALTE COSIDDETTE AUTOINDURENTI E PALANCOLATO METALLICO) CON SPESSORE DA POCHI CENTIMETRI A METRO ED OLTRE;
- LE INIEZIONI DI PRODOTTI IMPERMEABILIZZATI A BASSA, MEDIA, ALTA E ALTISSIMA PRESSIONE, CON TECNICHE DI LOCALIZZAZIONE PUNTUALE E DIFFERENZIATA DELL'INIEZIONE AI VARI ORIZZONTI STATIGRAFICI.

CATEGORIA 19F
TRIVELLAZIONE E POZZI.
******
COMPRENDO LO SCAVO DEI POZZI, CON ATTREZZATURE A ROTAZIONE O A PERCUSSIONE, FINALIZZATI ALLA RICERCA E ALLO SFRUTTAMENTO DI RISORSE IDRICHE, AL RICICLO DI ACQUE INDUSTRIALI, ALL'APERTURA DI CAVI DI PASSAGGIO DI TUBI, LINEE ELETTRICHE, STRUMENTAZIONI E PER STRUTTURE DI IMPIANTI TECNOLOGICI.

CATEGORIA 2
EDIFICI CIVILI, INDUSTRIALI, MONUMENTALI COMPLETI DI IMPIANTI E OPERE CONNESSE ED ACCESSORI OPERE MURARIE RELATIVE AI COMPLESSI PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI ENERGIA.
******
LA CATEGORIA INTERESSA OGNI TIPO DI EDILIZIA, INDIPENDENTE DALLA DESTINAZIONE DELL'IMMOBILE (EDILIZIA OSPEDALIERA, CARCERARIA, SCOLASTICA, RESIDENZIALE, MONUMENTALE ECC.)

CATEGORIA 3A
RESTAURO DI EDIFICI MONUMENTALI.
******
TRATTASI DI LAVORI VOLTI AD ASSICURARE LA CONSERVAZIONE, IL RIPRISTINO, LA REINTEGRAZIONE DELLE CARATTERISTICHE ARTISTICHE E/O MONUMENTALI E IL CONSOLIDAMENTO STATICO DI IMMOBILI VINCOLANTI AI SENSI DELLA LEGGE 1 GIUGNO 1939 N. 1089 , DI COMPETENZA DELLA SOPRAINTENDENZA PER I BENI AMBIENTALI, ARCHITETTONICI, ARTISTICI E STORICI. NEL CASO ALTRI SOGGETTI DEBBONO PROVVEDERE ALLA ESECUZIONE DI QUESTO TIPO DI OPERE, E' INDISPENSABILE CHE LA LOCALE SOPRAINTENDENZA CONFERMI LA QUALITA' DEL LAVORO E LA SUA ESECUZIONE SU IMMOBILE PROTETTO DALLA LEGGE N.1089/1939. SONO COLLOCABILI NELLA CATEGORIA INTERVENTI SU IMMOBILI VINCOLANTI DA LEGGI SPECIALI, ASSIMILABILI ALLA LEGGE N. 1089/1939.

CATEGORIA 4
OPERE SPECIALI IN CEMENTO ARMATO.
******
TRATTASI DI OPERE CHE RICHIEDONO DA PARTE DELL'IMPRESA ESECUTRICE COMPETENZA TECNICA PARTICOLARE NELLA LORO REALIZZAZIONE.
DOVRA' ESSERE DIMOSTRATO:
- CHE L'OPERA HA RICHIESTO ELABORATI PROGETTUALI DI PARTICOLARE IMPEGNO;
- CHE IN SEDE ESECUTIVA SONO STATE NECESSARIE ATTREZZURE DI CANTIERE E DI CONTROLLO DELLA QUALITA' DEI MATERIALI, NONCHE' L'IMPEGNO DI MANODOPERA QUALIFICATA SPECIFICAMENTE RICHIESTA PER L'OPERA DI CHE TRATTASI.
A TITOLO ESPLICATIVO, POSSONO CONSIDERARSI " OPERE SPECIALI IN CEMENTO ARMATO " - PONTI DI LUCE CONSIDEREVOLE A STRUTTURA COMPLESSA: SI INTENDONO PONTI E/O VIADOTTI STRADALI E/O AUTOSTRADALI E/O FERROVIARI AVENTI LE SEGUENTI CARATTERISTICHE:
A) ALTEZZA DELLE PILE NON INFERIORE A 40 METRI;
B) AMPIEZZA DELLE LUCI NON INFERIORE A 40 METRI;
C) ESECUZIONE IN CANTIERE DELLE TRAVI;
LE CONDIZIONI DI CUI AL PUNTO A) B) DEBBONO RINCORRERE ENTRAMBI SULLA STESSA OPERA;
- COPERTURA SPECIALI SI INTENDONO VOLTE SOTTILI;
- CUPOLE;
- GRANDI SERBATOI PENSILI;
- SILOS;
- EDIFICI DI STRUTTURE DI PARTICOLARE COMPLESSITA' E SPECIFICHE CARATTERISTICHE LE OPERE CHE NON ABBIANO LE CARATTERISTICHE INDICATE SONO COLLOCABILI NELLA CATEGORIA CHE CARATTERIZZA L'APPALTO(LAVORI STRADE, OPERE DI EDILIZIA ECC)

CATEGORIA 5A - A1 - B - C - D - D1 - E - E1 - F1 - F2 - F3 - G - H
IMPIANTI TECNOLOGICI E SPECIALI - IMPIANTI E LAVORI PER L'EDILIZIA SCORPORATI DALL'OPERA PRINCIPALE.
******
PER L'ISCRIZIONE OCCORRE DIMOSTRARE:
- ESECUZIONE DIRETTA DEGLI IMPIANTI;
- PERSONALE DIPENDENTE SPECIALIZZATO ISCRITTO NEI LIBRI PAGA DAI QUALI RISULTI L'APPLICAZIONE DEL VIGENTE CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO DELLA CATEGORIA;
- SPECIFICHE ATTREZZATURE PER LE LAVORAZIONI PREVISTE IN OGNI SINGOLA VOCE.

CATEGORIA 6
COSTRUZIONI E PAVIMENTAZIONE STRADALI, RILEVATI AEROPORTUALI E FERROVIARI.
******
TRATTASI DELLA RELAZIONE COMPLETA DI STRADE, AUTOSTRADE, RILEVATI FERROVIARI ED AEROPORTUALI.
NELLA CATEGORIA SI COLLOCANO LE OPERE D' ARTE AVENTI CARATTERISTICHE DIVERSE DA QUELLE INDICATE NELLA CATEGORIA 4.

CATEGORIA 8
PAVIMENTAZIONE CON MATERIALE SPECIALI.
******
E' OPPORTUNO CHE I CERTIFICATI ATTESTANTI LA ESECUZIONE DEI LAVORI FORNISCONO INDICAZIONE IN ORDINE A MATERIALI SPECIALI IMPEGNATI NELLA REALIZZAZIONE DELLE PAVIMENTAZIONI.
DEVE INTENDERSI LA COSTRUZIONI DI PISTE AEROPORTUALI IN CALCESTRUZZO, LA PAVIMENTAZIONE STRADALE IN CUBETTI IN PORFIDO O ALTRO ANALOGO MATERIALE, SPECIALE (CFR ANCHE CIRCOLARE MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI N. 4162 DEL 16 LUGLIO 1982)

CATEGORIA 9
LAVORI FERROVIARI.

CATEGORIA 9A
LAVORI DI MANUTENZIONE SISTEMATICA DELL'ARMAMENTO.
******
COMPRENDE LAVORAZIONI CONNESSE ALLA MANUTENZIONE DEL BINARIO,CHE COMPORTANO COMPLEMENTI INTERVENTI SU INTERA STRUTTURA ( ROTAIE, TRAVERSE MASSICCIATA);
- LIVELLAMENTO DEL BINARIO E/O DEVIATOI;
- REVISIONE DEL BINARIO E/O DEVIATOI;
- RISANAMENTO MASSICCIATA O PER BREVI TRATTI CONTINUI;
- RICAMBI SALUTARI DELLE ROTAIE;
- INTERVENTI COMPLEMENTARI E ACCESSORI ( STRADELLI GIUNTI ISOLANTI INCOLLATI, CARICO E SCARICO DEL MATERIALI ECC.)
GENERALMENTE I LAVORI DI MANUTENZIONE SISTEMATICA DELL'ARMAMENTO (M.S.A.) RIENTRANO NELLE CATEGORIE 9A. LE PRINCIPALI ATTREZZATURE PER L'ESECUZIONE DI LAVORI DI MANUTENZIONE SISTEMATICA DELL'ARMAMENTO SONO:
- RICALZATRICI;
- PROFILATRICI;
- LOCOMOTORI;
- RISANATRICI;
- CARICATORI;
- CARRELLI;
- ATTREZZATURA MINUTA ( INCAVIGLIATRICE, FORATRAVERSE, SFILATRAVERSE, PICCOLA ATTREZZATURA PER SALDATURA ECC.)

CATEGORIA 9B
LAVORI SPECIALI DEL BINARIO
******
COMPRENDE LAVORAZIONI CHE COMPORTANO IL COMPLETAMENTO E SISTEMATICO INTERVENTO SULLA INTERA STRUTTURA ( ROTAIE, MASSICCIATA, TRAVERSE):
- RINNOVO DEL BINARIO E/O DEVIATOI - RICAMBIO ROTAIE CON SOSTITUZIONE TOTALE DELLE TRAVERSE , COMPORTAMENTO RISANAMENTO DELLA MASSICCIATA;
- SOSTITUZIONE TOTALE DELLE TRAVERSE CON CONTEMPORANEO RISANAMENTO DELLA MASSICCIATA;
- COSTRUZIONE A NUOVO DEL BINARIO E/0 DEVIATOI ( PER LINEE FUORI ESERCIZIO DA ATTIVARE).
I LAVORI DI RINNOVAMENTO DEL BINARIO O DI COSTRUZIONE EX NOVO DEL BINARIO RIENTRANO SEMPRE NELLA CATEGORIA 9B.
LE PRINCIPALI ATTREZZATURE PER L'ESECUZIONE DEI LAVORI SPECIALI DEL BINARIO SONO :
- I PROFILATRICI;
- TRENO RINNOVAMENTO E/O PORTALI PER VARO BINARIO - POSIZIONATRICE ( IL POSSESSO DEL TRENO RINNOVAMENTO COSTITUISCE ELEMENTO PREFERENZIALE);
- RISANATRICE DELLA MASSICCIATA ;
- PORTALI PER VARIO DEVIATORIO;
- ATTREZZI PER SALDATURE E/O MOTOSALDATRICI;
- GRINCALZATRICI, LIVELLATRICI, ALLINEATRICI.